Pubblicato il

Gubetti: «Indignatevi e denunciate»

Gubetti: «Indignatevi e denunciate»

La crociata dell’assessore all’Ambiente contro le discariche abusive  

CERVETERI – Quella del contrasto all’abbandono dei rifiuti per strada e quindi della formazione conseguenziale di discariche abusive che sembrano sorgere a macchia di leopardo sul territorio, sta diventando una vera e propria crociata per questa amministrazione comunale ed in particolare per l’assessora all’ambiente Elena Gubetti.  Lei punta molto, tanto sulla operatività quanto sulla comunicazione. Per la prima ha trovato un valido “crociato in Nico Stella, delegato, volontario che più volontario non si può, che anima un gruppo di volontari che si offrono per dare una mano per il recupero delle aree interessate all’abbandono dei rifiuti di ogni tipo. Per la seconda, coadiuvata dalla delegata dell’olio, diffonde messaggi che punta sull’indignazione che tutti i cittadini dovrebbero provare, nel momento che compiono o si accingono a compiere certi atti definibili in un solo modo: incivili. L’ultimo dei suoi comunicati, ieri  a seguito della scoperta in via Vadimone a Cerenova, dove sono stati trovati non solo mobili abbandonati ma sono stati divelti anche dei segnali stradali, inveisce dicendo: «Ogni giorno assistiamo ad abbandoni di rifiuti per strada, nei boschi, in città, sono gesti non più tollerabili. Abbandonare illegalmente i rifiuti o compiere gesti contro il patrimonio pubblico sembra essere diventata un abitudine di grande inciviltà. L’amministrazione, da anni oramai, ha messo in campo molteplici azioni di sensibilizzazione, informazione ed è ricorsa anche a metodi punitivi e repressivi quali le foto-trappole, ma a quanto pare non è sufficiente contro alcuni incivili che si ostinano ad inquinare, deturpare e imbrattare il nostro territorio. Se vogliamo mettere un freno a questi comportamenti  serve la collaborazione di tutti:  mi rivolgo a tutti i cittadini, a chiunque può aver visto gli autori materiali dell’ennesimo scarico abusivo di rifiuti, avvenuto in pieno giorno e in un quartiere molto frequentato, affinché chi ha informazioni utili su quanto avvenuto possa aiutarci a risalire ai responsabili del gesto. Chi ama il nostro territorio deve indignarsi e di fronte ad azioni di questo tipo e deve denunciare».

ULTIME NEWS