Pubblicato il

Presentati 25 emendamenti

Presentati 25 emendamenti

Le forze politiche in azione alla vigilia del consiglio comunale dove si discuterà il bilancio di previsione. Dalle motivazioni si capirà se ci sono come si va vociferando scollamenti nel gruppo di maggioranza derivanti da ambizioni successorie e da ‘‘accasamenti’’ avvenuti nel corso della campagna elettorale     

di TONI MORETTI

CERVETERI – Nella previsione del bilancio del 2018, da discutere domani in aula, la spesa corrente si presume in circa 26milioni di euro intendendo per questa voce poco più di 5milioni di euro, pari al 20% circa per il personale e 17milioni e duecentomila circa per l’acquisto di beni e servizi come: appalto rifiuti, trasporto  e refezione scolastica, trasferrimenti alla multiservizi  indennità agli amministratori, oneri assicurativi, spese postali, telefoniche, consumi idrici, utenze elettriche, riscaldamento, pubblica illuminazione fitti passivi e altre spese. A tanto vanno aggiunti circa 1milione di euro per spese relative ad imposte e tasse e per interessi passivi. Non si sono comunque fatti attendere gli emendamenti, per l’esattezza venticinque  ben nove dei quali presentati dallo stesso sindaco Alessio Pascucci, sette dai gruppi di opposizione  in forma congiunta di Orsomando, De Angelis, Belardinelli, Ramazzotti e Piergentili, uno autonomamente da Piergentili, tre dal Partito Democratico, uno da Annozero, uno dal consigliere Galli e uno dal consigliere Ferretti. Tutti gli emendamenti  sono stati già oggetto del parere tecnico e contabile. Sarà interessante sentire la discussione in aula circa le motivazioni con le quali saranno richieste alcuni spostamenti di fondi da diverse voci di bilancio ad altre. In particolare sarà interessante sentire come verrà motivata la richiesta del recupero della somma stabilita per la transazione già chiusa tra il comune di Cerveteri e la società che gestisce l’impianto sportivo Galli, che è stata oggetto di accese polemiche per il modo in cui è stata condotta, ritenuta da più parti politiche illegittima. Come interessante sarà sentire come si sosterrà la causa di dirottare le somme relative al finanziamento  per il rifacimento del lungomare di Campo di Mare all’abbattimento della ex cabina Enel e alla riqualificazione della piazza, nonché quella di Borgo San Martino o il rifacimento del lastricato delle cappelle gentilizie del cimitero.  Sarà interessante capire se tale richiesta di sostituzione delle somme relative al mutuo per il lungomare siano per il fatto che non si creda più alla realizzazione del  progetto per effetto delle anomalie nelle procedure messe in evidenza da alcuni membri dell’opposizione e da loro ritenute ostative alla concessione del contributo regionale che in verità vede Cerveteri tra i vincitori del bando ma con la pratica ancora in fase di accertamenti documentali, o se con questi atti si palesa la teoria, di tenore strettamente politico che quel progetto non è gradito a certe parti che tentano, come più volte ha affermato il sindaco di boicottarlo in ogni modo. C’è da notare intanto che in uno degli emendamenti presentati dal sindaco si interviene per appalesare  con precisa direttiva al dirigente responsabile l’incarico di procedere all’acquisizione in base al comodato d’uso stipulato tra il sindaco e la Società Ostilia, proprietaria del bene per eseguire le opere di urbanizzazione primaria. 
Si prevede quindi una accesa discussione sul bilancio, sui suoi emendamenti, sulle motivazioni delle richieste, e si valuterà da tutto questo se ci sono, come si va vociferando, scollamenti nel gruppo di maggioranza derivanti da dissidi interni per liti spartitorie già iniziate derivanti da ambizioni successorie  e da diversi “accasamenti “avvenuti durante l’ultima campagna elettorale.

 

ULTIME NEWS