Pubblicato il

Esplosione al porto di Livorno: morti 2 operai

Esplosione al porto di Livorno: morti 2 operai

Tragedia al porto industriale di Livorno dove due operai sono morti in un’esplosione che si è verificata poco prima delle 14 in un serbatoio all’interno del deposito costiero Neri. Le vittime, Nunzio Viola, di 52 anni, e Lorenzo Mazzoni, 25 anni, erano dipendenti della ditta Labromare, specializzata in bonifiche ambientali.

Uno dei due operai, investito in pieno dalla deflagrazione, è morto sul colpo, mentre l’altro era ancora in vita al momento dell’arrivo dei soccorsi, ma i tentativi di rianimarlo sono stati vani ed è morto in ambulanza. Un terzo, rimasto ferito, sarebbe in gravi condizioni.

Secondo una prima ricostruzione i dipendenti stavano effettuando alcuni lavori di manutenzione all’interno del deposito. Il serbatoio conteneva acetato di etile e si è piegato a causa della violenza dell’esplosione. Non si è sviluppato nessun incendio, probabilmente perché il serbatoio era stato svuotato. L’esplosione, secondo una prima ipotesi, potrebbe essere stata causata da una sacca di gas formatasi all’interno della cisterna stessa.

I vigili del fuoco hanno lavorato a lungo per mettere in sicurezza la zona che è stata completamente evacuata.

La Procura di Livorno ha aperto un fascicolo per disastro colposo, al momento a carico di ignoti.

Il sindaco Filippo Nogarin si è immediatamente recato sul luogo dell’incidente. “Siamo di fronte a una tragedia immane. Tocca contare l’ennesimo incidente sul lavoro che strappa due uomini innocenti alle loro famiglie – ha detto Nogarin – In questo momento drammatico per tutta la città il mio primo pensiero è per loro. A queste mogli, madri, figli. A ognuno di loro va il mio più profondo cordoglio, il mio sostegno e la massima vicinanza”. “Più forte del dolore, in questo momento, è soltanto la rabbia – ha aggiunto il sindaco – Perché tutto questo è inaccettabile”.

Le organizzazioni sindacali Cgil Cisl e Uil della provincia di Livorno hanno proclamato una giornata di sciopero per domani in seguito all’infortunio mortale. Domani sera alle ore 21 si terrà una fiaccolata in memoria dei due operai che arriverà fino al porto.

MASSA – Un’altra esplosione si è verificata oggi nel reparto di miscelazione di una fabbrica che tratta materiale edile refrattario, nella zona industriale di Massa. Un operaio è rimasto ferito ed è stato portato con l’elisoccorso all’ospedale Cisanello di Pisa. L’uomo ha riportato ustioni di terzo grado. Le fiamme, dopo l’esplosione, hanno raggiunto sostanze come magnesio e alluminio e per questo sono stati necessari estintori speciali. Sul posto i vigili del fuoco con rinforzi da Pisa, Lucca e Firenze per un totale di 20 uomini. (Adnkronos)

ULTIME NEWS