Pubblicato il

In collina appuntamento con le tradizionali e amate processioni del Cristo Morto

In collina appuntamento con le tradizionali e amate processioni del Cristo Morto

ALLUMIERE – TOLFA – In collina è il giorno della ‘‘Processione del Cristo Morto’’ e in ognuno dei due Comuni si stanno ultimando i preparativi per i cortei religiosi che si svolgeranno stasera. (agg. 30/03 ore 7.51) segue

IL CORTEO. Ad Allumiere il corteo religioso partirà alle 20.30; la processione sarà aperta dai tamburi seguiti dai portatori dei simboli: ulivo, palma e croce; seguirà il primo mistero ‘‘Gesù sul monte degli ulivi’’ portato dalla Contrada Sant’Antonio; poi un figurante vestito da Angelo e i misteretti con monete, corde e dadi. A seguire il 2° mistero ‘‘Gesù flagellato’’ portato dalla Contrada Ghetto e i bimbi coi flagelli e la verga. Il 3° mistero ‘‘Gesù coronato di spine’’ portato dai bianconeri del Burò: ci saranno figuranti vestiti da soldati e uno da Pilato e i misteretti con pergamena, corona e straccio rosso. Il 4° mistero ‘‘Gesù porta la croce’’ portata dall’associazione S.Antonio e due figuranti vestite da Veronica e da passante; seguiranno i penitenti e il 5° mistero ‘‘Gesù Crocifisso’’ portato dalla Contrada Nona; i bambini con lancia, spugna, scritta Inri e i chiodi poi i sacerdoti con la reliquia, la statua del Cristo Morto trasportata dalla Contrada Polveriera, le tre Marie, le donne che portano l’Addolorata (associate), i 7 dolori, San Giovanni portato dalla CRI, una figurante vestita da Maddalena seguita dalla statua portata dalla Contrada La Bianca e infine le autorità e i fedeli; accompagnamento musicale degli Amici della Musica. La processione del Cristo morto ogni anno richiama in strada moltissimi fedeli. La statua più antica è quella dell’Ecce Homo in cartapesta; oltre alle statue ci saranno i figuranti e i misteretti nonchè una quindicina di penitenti incappucciati e con le catene. (Agg. 30/03 ore 8.46)

LA PASSIONE E LA MORTE DI CRISTO. Come ogni anno a Tolfa si commemora la passione e morte del Signore. La rievocazione storica del dramma del Gogota si svolge attraverso una solenne Processione dove sfilano i soldati romani, la statua della Madonna Addolorata, del Cristo morto, il Coro del Popule meus, i cori delle turbe, i penitenti. La processione è una bella tradizione, radicata nella storia e nella coscienza del popolo tolfetano, nutrita di riti e soprattutto di una forte intimità familiare, visto che tale manifestazione coinvolge tutto il paese. E’ difficile raccontare quello che ognuno prova, e le motivazione alla base delle scelte di ciascuno. Certo è che la partecipazione della gente è giustificata dalla fede. Il corpo di Cristo è al centro della rievocazione  e della memoria storica della processione, depositata nei ricordi delle famiglie e nei cuori. La processione è organizzata dalla Confraternita Umiltà e Misericordia di Tolfa. la processione coordinata da don Giovanni Demeterca partirà dalla chiesa del Crocifisso e si snoderà lungo via Caro, XX Settembre, via Roma, piazza Veneto; da via Roma rientrerà nella parrocchia di Sant’Egidio. Il corteo sarà aperto dalla croce di carta illuminata seguita dai penitenti, il coro che intona il ‘‘popolo meus’’, la banda Verdi, i figuranti e le statue del Cristo nell’orto degli ulivi, dell’Addolorata e del Cristo Morto; alle 21 ai Cappuccini l’Asda farà rivivere la crocifissione di Gesù.(Agg. 30/03 ore 9.30)

ULTIME NEWS