Pubblicato il

Idrico, problemi per le zone centrali

Idrico, problemi per le zone centrali

Un’ingente perdita davanti al teatro Traiano che ha costretto ad abbassare il flusso per procedere con i lavori di riparazione. Ridotta la pressione delle aree servite dalla cisterna di via Achille Montanucci: disagi fino a Campo dell’Oro

CIVITAVECCHIA – Non c’è davvero pace per i rubinetti civitavecchiesi. Questa mattina davanti al teatro Traiano si è aperta un’ingente perdita che ha costretto ad abbassare la pressione delle zone servite dalla cisterna di via Achille Montanucci, ossia tutta la zona centrale della città fino a campo dell’oro.  Dall’amministrazione hanno promesso che una volta terminati i lavori, immediatamente iniziati, verrà ridata pressione a tutta la rete. (Agg 31/03 ore 16.23) segue

PASQUA ASCIUTTA PER I RUBINETTI. Una pasqua con i rubinetti a secco per i civitavecchiesi. Soltanto nei giorni scorsi – precisamente mercoledì – , infatti, un grosso guasto su Csp aveva fatto rimanere a secco quasi mezza città. Dopo circa un giorno l’amministrazione ha annunciato il termine delle riparazioni il problema è che l’acqua nelle zone più a monte è arrivata soltanto nella notte tra venerdì e sabato. Ora la città si dà il cambio e a rimanere con i rubinetti a secco sono i civitavecchiesi del centro. Sui social la rabbia, con i cittadini che si lamentano anche della difficoltà nel riuscire a mettersi in contatto con la famosa autobotte. Intere zone della città rimaste a secco per giorni, termine dei lavori annunciato e acqua che torna soltanto un giorno dopo.(agg. 31/03 ore 17)

IL GUASTO. L’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Ceccarelli ha parlato, per il guasto all’acquedotto Csp, di 13 chilometri di condutture da attraversare perché l’acqua torni a scorrere. Ventiquattro ore perché l’acqua arrivi nelle case a monte della città, per fare 13 chilometri. Uno de problemi maggiori, stando a Ceccarelli, sono i numerosi serbatoi che rallentano il ritorno alla normalità. Resta il fatto che ormai, come qualche utente fa notare sui social, è un terno a lotto su dove e quando sarà la prossima perdita o su quale zona rimarrà a secco. Intanto, per non sbagliare, i cittadini si premuniscono con taniche e taniche d’acqua per essere pronti ad ogni evenienza. Resta il problema che se non si riesce a garantire un servizio idrico costante nessuno si sognerà mai di smontare i serbatoi dalle proprie abitazioni. (agg. 31/03 ore 17.30)

ULTIME NEWS