Pubblicato il

Asti, ordine di carcerazione eseguito dalla Polizia di stato a bordo treno

ASTI – Viaggiava in treno pensando di riuscire ad eludere i controlli visto che da circa tre anni era destinatario di un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Milano, dovendo scontare ancora 2 anni 4 mesi e 15 giorni di reclusione, oltre al pagamento di 12.000 euro di recupero della pena pecuniaria, per il reato di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A nulla gli era prima valso lasciare per qualche tempo l’Italia, salvo poi rientrarvi.

 

NEI GUAI UN ALBANESE CON A CARICO UN ORDINE DI CATTURA

Si tratta di un cittadino albanese trentenne che nella serata del 03 aprile u.s. è stato rintracciato dalla Polfer di Asti a bordo del Regionale Torino-Genova durante un servizio di scorta treno. A seguito di controlli svolti sul posto tramite palmare di servizio, il prosieguo di accertamenti presso gli Uffici Polfer di Asti ed i rilievi foto-dattiloscopici presso il Gabinetto di Polizia Scientifica della Questura di Asti, lo straniero è risultato avere a carico un ordine di cattura. (Agg. 06/04 ore 19,51)

ASSOCIATO ALLA CASA CIRCONDARIALE DI ASTI

Dopo aver espletato gli atti dovuti e la notifica dei decreti summenzionati, lo stesso veniva tradotto, poco dopo la mezzanotte, nella Casa Circondariale di Asti, a disposizione del personale della Autorità Giudiziaria. (Agg. 06/04 ore 19,58)

ULTIME NEWS