Pubblicato il

Crociere: Civitavecchia tenta il sorpasso

Crociere: Civitavecchia tenta il sorpasso

Il presidente di Risposte Turismo Francesco di Cesare ha anticipato le previsioni per il 2018: lo scalo locale sale a 2,4 milioni di passeggeri, meno di 300mila dalla vetta occupata da Barcellona

CIVITAVECCHIA – Il porto di Civitavecchia cerca il sorpasso. Perché se il primato italiano è netto e scontato, quello nel Mediterraneo è un risultato ambito a cui tende lo scalo. E oggi il primo posto del porto di Barcellona per numero di crocieristi non sembra essere poi così tanto al sicuro. Lo ha confermato il presidente di Risposte Turismo Francesco di Cesare, anticipando quelle che sono le previsioni per il 2018 del trafficio crocieristico, nel corso del convegno “Shaping the port of the future” organizzato dal MediTelegraph e da On the Mos Way nella sala conferenze dell’Autorità di Sistema Portuale. 

Civitavecchia, secondo i dati forniti da Di Cesare, recupera e sale a 2,4 milioni di passeggeri, meno di 300 mila dalla vetta occupata dallo scalo catalano. Certo, altri numeri rispetto al 2011, anno in cui lo scalo è salito al primo posto della classifica dei porti del Mediterraneo con 2.577.438 crocieristi. 

“C’è una grande crescita di Palma di Maiorca che segna un incremento del 25,3% – ha spiegato di Cesare – ma il sistema italiano regge bene e il risultato di Civitavecchia nel Mediterraneo lo testimonia”. (Agg. 11/04 ore 17.10)

In quest’ottica si attende anche il completamento del nuovo terminal crociere di Roma Cruise Terminal (la compagine mista tra Royal Caribbean, Costa ed Msc), ritenuto uno dei più grandi d’Europa, che dovrebbe essere inaugurato il 18 maggio.

Le previsioni per il 2018 indicano che anche i porti liguri di Genova e Savona crescono. È il Mediterraneo che cresce, anche se il programma di deployment delle compagnie non favorisce questa area geografica: “È vero che c’è la crisi della Cina – ha aggiunto di Cesare – ma non è comunque ancora una ritirata delle compagnie. Ricordiamo sempre che è un settore che genera indotto e posti di lavoro, ed è in crescita». Con il presidente dell’Adsp che ha però sottolineato come, per quanto riguarda proprio Civitavecchia “la grande massa di passeggeri si dirige verso Roma. Per noi quindi la sfida è duplice – ha spiegato – garantire un sistema efficiente di trasporto verso la Capitale e valorizzare una diversificazione che contribuisca anche allo sviluppo delle zone più vicine a Civitavecchia». (Agg. 11/04 ore 18.02)

ULTIME NEWS