Pubblicato il

Sagra, ordine pubblico, (quasi) tutto è filato liscio

Sagra, ordine pubblico, (quasi) tutto è filato liscio

Nota dolente: l’invasione di parcheggiatori abusivi dalla Campania Sequestrati 7 banchi abusivi, rissa nella notte di sabato sul lungomare

LADISPOLI – Quasi tutto è filato liscio. Una tre giorni di festa caratterizzata sostanzialmente dal bel tempo e dai controlli messi in atto dalle forze dell’ordine per garantire la sicurezza assieme al comune di Ladispoli che ha posizionato new jersey all’ingresso della fiera dotando anche gli agenti di polizia locale di un giubbotto antiproiettile. Obiettivo primario: tutelare il marchio Igp e i produttori agricoli ladispolani che hanno lavorato sodo, nonostante il maltempo del mese scorso, per garantire la qualità del prelibato ortaggio. (Agg. 17/04 ore 11.51) segue

ELEVATI NUMEROSI VERBALI. Per questo gli agenti della Polizia locale, in sinergia con la Guardia di finanza, hanno elevato numerosi verbali, alla fine se ne sono contati una ventina, ad altrettanti ambulanti irregolari, provenienti soprattutto dalla Campania, che agli ingressi della sagra hanno venduto abusivamente i loro carciofi a prezzo ridotto. Fiamme gialle e vigili urbani hanno sequestrato 7 banconi illegali non registrati in Comune. Il titolare dell’area privata è stato anche denunciato. Un’attività commerciale invece è stata chiusa perché dava da bere ai minorenni. Folta presenza anche di carabinieri, polizia e polstrada. Sicurezza garantita anche con le guardie ambientali e la protezione civile. Non tutto però è andato per il verso giusto. Nella notte tra venerdì e sabato è scoppiata una mega rissa sul lungomare di via Regina Elena tra ragazzi in preda all’alcol e al delirio. Sono venuti alle mani anche due ambulanti in lite per uno spazio. (Agg. 17/04 ore 12.30)

I PARCHEGGIATORI ABUSIVI. Nota dolente invece nel piazzale del mercato del martedì in via Firenze dove i parcheggiatori abusivi, campani anche loro, hanno tranquillamente “lavorato” per tutta la mattinata di sabato, minacciando anche alcuni automobilisti che si erano rifiutati di pagare. Una pattuglia dei carabinieri intervenuta nel pomeriggio ha allontanato per qualche ora gli impostori che poi sono tornati sempre nella stessa zona. Polemiche invece per l’arrivo dei turisti in camper che hanno invaso strade e piazzali trovando le aree adibite ai campeggi tutte chiuse dopo le indagini della Procura. D’altro canto era prevedibile. (agg. 17/04 ore 13)

ULTIME NEWS