Pubblicato il

Senso unico a via San Francesco, ecco le motivazioni

   

   

ANGUILLARA – “La contestazione principale su cui si sono ancorati i successivi motivi di diritto è la stata la carenza assoluta di istruttoria: nello specifico è stata denunciata la mancanza di una seria programmazione sugli effetti della modifica della viabilità, di uno studio – anche sommario – che potesse evidenziare le eventuali criticità della zona di san francesco; pertanto, difettando tale strumento di studio e programmazione, il procedimento non poteva essere definito in alcun modo esaustivo; la riprova di tale mancanza procedimentale è stata anche dimostrata dal fatto che lo stesso ‘senso unico’ contrastava apertamente con il piano di protezione civile dell’ente, peraltro di recente adozione ed aggiornato circa un anno fa». Così l’avvocato Mario Lepidi, legale di una decina di cittadini contrari all’istituzione di un senso unico su via San Francesco, spiega le ragioni per le quali il Tribunale amministrativo del Lazio ha accolto il ricorso ordinando alla amministrazione comunale di Anguillara della sindaca Sabrina Anselmo di ripristinare il doppio senso di circolazione. (agg. 18/04 ore 9.29) segue

“LO STUDIO PROPEDEUTICO”. “Il Comune- spiega ancora Lepidi –  avrebbe dovuto effettuare uno studio propedeutico alla modifica della viabilità in maniera tale da cristallizzare le reali necessità della zona: in questo modo avrebbe sicuramente valutato anche altre soluzioni alternative meno invasive sia per i cittadini residenti in zona, sia per gli esercenti commerciali che hanno registrato già una forte contrazione degli incassi dalla data di adozione dell’ordinanza ora annullata”. (Agg. 18/04 ore 10)

“VA RIPRISTINATA LA VIABILITA’ ORIGINARIA”. Ma quando il ripristino? “Il Comune- spiega ancora l’avvocato Lepidi –  ha l’obbligo di ripristinare l’originaria viabilità senza attendere. 
Auspico di non dover nuovamente ricorrere al medesimo TAR per l’ottemperanza di una sentenza molto chiara che non lascia adito a dubbi o interpretazioni di sorta”. (Agg. 18/04 ore 10.30)

ULTIME NEWS