Pubblicato il

Manutenzione stradale: stanziati i primi 40mila euro

Manutenzione stradale: stanziati i primi 40mila euro

CIVITAVECCHIA – Quarantamila euro per interventi urgenti sul patrimonio stradale comunale finalizzati all’eliminazione dei pericoli imminenti per la circolazione veicolare e pedonale. Sono quelli che sono stati stanziati dal Comune, con i lavori già affidati e pronti a partire nei prossimi giorni, lavorando l’asfalto a caldo, differentemente a come è stato fatto finora. “Si tratta di piccoli interventi – ha spiegato l’assessore Alessandro Ceccarelli sulla sua pagina Facebook – per iniziare a lavorare su quanto di più pericoloso c’è ed avere il tempo necessario a preparare una seconda gara da 100mila euro per risolvere almeno le situazioni più urgenti, fino a poter stanziare 300mila euro pian piano nel corso dell’anno”. E di buche pericolose, trasformate inveri crateri, ce ne sono diverse in tutti  i quartieri cittadini, dal centro alle periferie. Buche che rappresentano un vero e proprio pericolo per automobilisti e motocilisti. (agg. 19/04 ore 15.02) segue

2MILIONI PER IL RIFACIMENTO STRADALE. L’assessore ha poi ricordato che per il 2018 è stata stanziata la somma ingente di 2 milioni di euro proprio per il rifacimento del manto stradale, con i cantieri che si spera possano partire entro la fine dell’anno. “La situazione del manto stradale – ha sottolineato – è uno specchio della situazione delle finanze del Comune: un disastro. Dopo anni di duro lavoro da parte del Movimento 5 Stelle, ora il bilancio comincia a vedere la luce. Di conseguenza anche il manto stradale tornerà a condizioni più decorose”.  (agg. 19/04 ore 15.30)

“TAPPAMI”, IL COMMENTO. Un commento poi sull’iniziativa di “Tappami”, sbarcata anche a Civitavecchia e coordinata da Stefano Giannini. “Non posso che essere favorevole ai cittadini attivi che si mettono in gioco in prima persona per migliorare la propria città – ha spiegato – a patto che ci sia davvero una voglia di migliorare il contesto in cui tutti noi viviamo e non solo di fare operazioni di propaganda politica. È altrettanto ovvio che non possono semplici associazioni di cittadini sostituirsi all’ente pubblico: possono fare rifiniture, possono fare un’opera di sensibilizzazione della coscienza civica, ma non possono sostituirsi all’ordinario”. (agg. 19/04 ore 16)

ULTIME NEWS