Pubblicato il

''Le divisioni nel centrodestra segno del fallimento nella gestione della città''

Il candidato del Movimento cinque stelle Francesco Settanni interviene sul quadro politico in vista del voto di giugno

Il candidato del Movimento cinque stelle Francesco Settanni interviene sul quadro politico in vista del voto di giugno

S. MARINELLA – Sulle disquisizioni che si fanno in questi giorni sui giornali telematici in merito alle elezioni comunali, si cerca di capire come si stanno evolvendo le cose nei vari schieramenti politici, in modo da supporre quali potrebbero essere i vari candidati sindaco. In un commento registrato sul blog ‘‘La nostra Perla’’, si parla della confusionaria situazione che regna nel centrodestra, con i vari personaggi che stanno creando enormi problemi a chi cerca di portare i conservatori uniti alle elezioni. Tra i tanti, si parla anche dell’ex sindaco Roberto Bacheca e dell’ex delegato Emanuele Minghella, a cui è stato tolto il titolo di responsabile locale di Forza Italia per consegnarlo all’ex presidente della Provincia Achille Ricci. (agg. 20/04 ore 8.42) segue

“UN FALLIMENTO NELLA GESTIONE DELLA CITTA'”. Sulla questione, interviene il candidato sindaco del M5S Francesco Settanni. «Leggo – dice il grillino – che Bacheca paga il conto di non essere stato eletto in Regione, per non aver condiviso il suo potere con gli altri del centrodestra e di non aver preparato per tempo il suo successore, leggo di un centrodestra diviso che non riesce ad esprimere un leader fra i tanti nomi richiamati. Non leggo invece che, il conto che paga Bacheca, é direttamente proporzionale al pessimo livello qualitativo del mandato elettorale svolto. Non sembra, che al di là di queste apparenze, bisogna andare alla sostanza? Le divisioni, la frammentazione del centrodestra è l’apparenza di ciò che in realtà nella sostanza é un fallimento nella gestione della città sia sul piano politico, che su quello amministrativo e gestionale. La limitata prospettiva, le dinamiche utilitaristiche, la scarsa capacità con cui il centro destra ha gestito la città, ha determinato il crollo inarrestabile in ogni settore della vita cittadina. Non é certo ricompattando le forze che si cambiano gli intenti di una visione politica già compromessa, né tanto meno diventa facile rifarsi la verginità agli occhi dei cittadini presentandosi con nomi che in un modo o nell’altro fanno parte del passato ed hanno condiviso quella esperienza, essendo stati con vari ruoli artefici del fallimento». (agg. 20/04 ore 9.20)

“SERVE UN NUOVO SCENARIO POLITICO”. «È la vision che va cambiata – conclude Settanni – ovvero lo scenario di una alternativa politica che pensi alla città ed ai suoi problemi in modo nettamente diverso da come era solito fare la compagine di cui hai trattato e che anteponga il bene collettivo agli interessi di pochi, che abbia a cuore il voler risolvere per davvero i problemi della gente e della città e non che usi la politica o il ruolo politico come strumento per raggiungere altri fini». (agg. 20/04 ore 10)

ULTIME NEWS