Pubblicato il

Pap: ''Saremo al fianco dei lavoratori della Gtc''

Pap: ''Saremo al fianco dei lavoratori della Gtc''

Potere al popolo sposa la causa dei gruisti e bacchetta anche l’Authority: "Sembra più interessata ai tagli del nastro"

CIVITAVECCHIA – «Nel caso in cui la Cfft dovesse dar seguito ai suoi propositi, saremo al fianco dei lavoratori che hanno annunciato di voler lottare in difesa dei propri diritti». Potere al popolo interviene in merito all’allarme lanciato dalla Gtc nei giorni scorsi a cui è subito seguita una risposta di Steven Clercks, manager della Cfft.

«I vertici della Civitavecchia Forest Fruit Terminal – spiegano dal comitato territoriale di Pap – hanno nei giorni scorsi annunciato di volersi avvalere di mezzi e uomini interni alla stessa società, minacciando la stabilità del lavoro degli operatori portuali. La scelta di svolgere le attività di banchina con mezzi propri è irrispettosa – tuonano dal comitato – della storia del nostro porto. Voler decidere in modo unilaterale come agire su una concessione pubblica è una privatizzazione di fatto del demanio pubblico. Civitavecchia mette a disposizione  da sempre il suo mare, il proprio ambiente e la sua qualificata forza lavoro e per questo merita rispetto. Non è accettabile la richiesta di ulteriori sacrifici e lo stravolgimento delle regole in precedenza concordate».

Ma Potere al popolo si rivolge anche all’Authority. «Ci spiace constatare – dichiarano da Pap – che per l’ennesima volta l’Autorità Portuale abbia deciso di voltarsi dall’altra parte e di non intervenire prontamente, svolgendo il suo dovere. In quanto emanazione del Governo dovrebbe assumere la direzione del porto, difendendo in primo luogo le ragioni del territorio e dei suoi abitanti. Invece – concludono duri dal comitato – sembra più interessata ai tagli di nastro e alle cene di rappresentanza».

ULTIME NEWS