Pubblicato il

Donna cinese scomparsa in crociera: torna libero il marito

Donna cinese scomparsa in crociera: torna libero il marito

CIVITAVECCHIA – È tornato in libertà Daniel Belling, l’informatico tedesco, residente in Irlanda, principale sospettato della morte della moglie Li Yinglei, scomparsa dalla nave MSC Magnifica in crociera nel Mediterraneo. Secondo la Procura di Civitavecchia e la polizia, nel febbraio 2017 uccise la donna, la chiuse in una valigia e, sostengono gli inquirenti, la gettò in mare. (agg. 25/04 ore 17.52) Segue

SCARCERATO IL MARITO. Il Tribunale del Riesame ha ordinato l’immediata scarcerazione dell’uomo, detenuto a Regina Coeli da circa 14 mesi, accogliendo il ricorso del difensore, l’avvocato Luigi Conti, che insieme alla collega Laura Camomilla aveva impugnato la proroga della carcerazione preventiva decisa dal gip il 7 febbraio, chiedendo l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare sul presupposto che siano venute meno le esigenze carcerarie. «Credo che lei sia in Cina per affari, mi fece capire che sarebbe andata lì il giorno prima di sparire a Katakolon, in Grecia. Ora lascerò l’Italia per incontrare i miei bambini, a lungo affidati a una coppia di amici», avrebbe detto il 45enne una volta uscito dal carcere. Ora potrà tornare in Irlanda, in attesa della conclusione delle indagini non certo semplici soprattutto perché, in questi mesi, non è mai stato trovato il cadavere della donna, né vi sarebbero delle registrazioni nella nave in cui sivedrebbe Belling gettare in acqua la moglie, avvalorando così la tesi della Procura. (Agg. 25/04 ore 18.30)

“PROVE SCIENTIFICHE NON RACCOLTE”. «La nave è stata fatta ripartire senza raccogliere eventuali prove scientifiche. E nemmeno la cabina dove ha soggiornato la famiglia è stata sequestrata, ed anzi è stata subito riassegnata – ha sottolineato l’avvocato Conti – gravi lacune istruttorie che secondo noi compromettono l’accertamento della verità». (agg. 25/04 ore 19)

ULTIME NEWS