Pubblicato il

Saline, in campo le ginnaste di  Arteritmica

Saline, in campo le ginnaste di  Arteritmica

Forte appello per salvare il sito della foce di ponente a suon di scatti fotografici che hanno ottenuto sui social centinaia di like Grande soddisfazione per il gruppo ‘‘Tarquinia nel cuore’’

TARQUINIA – Tarquinia ha festeggiato il primo maggio col cuore rivolto alle Saline.
E’ infatti dell’altra sera il messaggio lanciato da Arianna Girardi e dalle ginnaste della sd Arteritmica sul grido ormai ‘‘di tendenza’’ di #SalviamoLeSaline: sei magnifiche fotografie nate da un connubio esplosivo tra gli scatti di Francesco Taurozzi ed i corpi delle ragazze atte a posare in figure di ginnastica ritmica, nella location iconica della ex foce di ponente delle Saline.
In una manciata di ore, l’iniziativa ha superato il centinaio di like ed é risultata condivisissima su Facebook; dal gruppo ‘‘Tarquinia nel Cuore’’ grande soddisfazione: «Le ginnaste e l’attivissima Arianna hanno fatto un appello forte e bellissimo. Che siano d’esempio per come tali discipline possano anche lanciare messaggi sociali importanti. Questo é avere Tarquinia nel cuore».
E l’occasione apre lo spazio ad un nuovo appello: «Mai le Saline hanno versato in un simile stato; nel tripudio di interdizioni presente, lo stato di abbandono é totale»; e gli attivisti non perdono occasione per fare un elenco delle mancanze: «Le aiuole sono sommerse di infestanti; i tombini sono completamente arrugginiti ed alcuni sono persino sfondati; la struttura dell’ecoalbergo sta crollando, e recentemente ci sono stati i cedimenti di alcuni marcapiani; parti di una copertura abbandonata sono sulla strada ormai da piú di due mesi; la bascula rotta e sfondata dall’aprile del 2016 continua a giacere senza alcun intervento». «Insomma – conclude ‘‘Tarquinia nel cuore’’ – mentre si vocifera di grandi progetti di stampo politico di prossima presentazione, il compendio continua a versare in una situazione quasi surreale, oggetto di sempre piú attenzione da parte dei tarquiniesi, ormai stufi di un simile monumento al degrado e all’abbandono.

ULTIME NEWS