Pubblicato il

Grande successo per la presentazione del libro su Allumiere nella seconda guerra

Il professor Simonetto ha illustrato l’opera davanti ad una sala gremita

Il professor Simonetto ha illustrato l’opera davanti ad una sala gremita

ALLUMIERE – Ha riscosso un ottimo successo di pubblico la cerimonia di presentazione del libro ‘’Allumiere al tempo della Seconda Guerra Mondiale’’ che si è svolta lo scorso venerdì. In un Auditorium gremito, il professor Dante Simonetto, che, in collaborazione con Franco Pierini e gli altri soci del “Laboratorio”, ha portato alla luce l’intero spaccato di Allumiere dal 1940 al 1944, ha spiegato che «questo libro può essere considerato un coro a più voci di testimonianze dirette e indirette di reduci e familiari, assemblate in un tutto armonico, ma è anche il frutto di un lungo e serio lavoro di indagine, che ha portato alla scoperta di molti documenti inediti, da cui è stato possibile ricostruire il periodo che dà il titolo al libro». Sullo scopo di questo lavoro si è soffermata invece la professoressa Tiziana Cimaroli, che nella sua ottima introduzione ha sottolineato, tra le altre cose, «l’importanza di restituire alle nuove generazioni una adeguata consapevolezza delle proprie radici e del senso di identità collettiva». Il libro è diviso in 3 capitoli più una appendice con un elenco di matrimoni. «Nel primo si parla dei soldati di Allumiere in guerra – spiega il presidente del ‘’Laboratorio’’, FrancoSgamma – nel secondo degli scenari di guerra e nel terzo della vita locale al tempo della guerra, con particolare riferimento alla tragedia dello sfollamento, dell’occupazione tedesca e della Resistenza locale». Tra gli interventi più toccanti, ci sono stati quelli di Riccardo Rinaldi (classe 1931) che ha vissuto l’intero periodo preso in esame, quello delle insegnanti Stefania Cammilletti e Patrizia Sestili, figlie di due reduci della campagna di Russia, e quello dell’avvocato Pietro Pierantozzi, il cui padre venne arrestato insieme ad altre ventitrè persone con l’accusa di essere un partigiano.Bellissima la poesia che Anna Sgamma  ha dedicato a suo padre Michele e al suo amico Alessio, come pure i racconti di Monica Superchi, Daniela Lisi, Marta Stampella, Alessio Pasquali, Luisa Tartaglione, Remo Cirilli, Cleto Bruschi e Augusto Amici.

ULTIME NEWS