Pubblicato il

Pizzo del Prete, scintille tra Manunta e Di Genesio Pagliuca

FIUMICINO. L’assessore: "Considerare zona bianca Pizzo del Prete è inconcepibile, anche sotto il profilo tecnico". "La città metropolitana si limita alla produzione di tavole cartografiche, senza pianificazioni"

FIUMICINO. L’assessore: "Considerare zona bianca Pizzo del Prete è inconcepibile, anche sotto il profilo tecnico". "La città metropolitana si limita alla produzione di tavole cartografiche, senza pianificazioni"

FIUMICINO – Dopo l’allarme generato dall’approvazione della nuova cartografia per la zona di Pizzo del Prete, che non presenta nessuna variazione rispetto alla precedente in merito alla così detta zona bianca, arriva il chiarimento da parte del delegato alle Politiche Ambientali della Città Metropolitana, Matteo Manunta.
“Sono costretto a tornare nuovamente sulla questione aree bianche a seguito delle dichiarazioni del sindaco Esterino Montino. Ci tengo a rassicurare i cittadini ci Fiumicino e Cerveteri sul fatto che non è nostra intenzione aprire discariche a Pizzo del Prete e nel territorio della provincia di Roma. (Agg. 16/05 ore 12.17) segue

LA CARTOGRAFIA. La cartografia inviata ai comuni rappresenta una mera opposizione di vincoli che seguono il Ptpg (piano territoriale provinciale generale) e i criteri del piano di gestione dei rifiuti del Lazio.
La competenza della Città Metropolitana di Roma si limita alla produzione di questa tavola, priva di carattere pianificatorio e avente contenuto tecnico non discrezionale, senza svolgere nessuna attività di pianificazione che è di esclusiva competenza regionale”. “Le osservazioni alla cartografia sono state inviate alla Regione Lazio che ha tutti gli elementi per poter svolgere il compito di programmazione che la legge gli assegna”, prosegue Manunta. Sono a disposizione delle amministrazioni di Fiumicino e Cerveteri per aprire un tavolo insieme ai tecnici dei rispettivi enti per trovare una strada affinché le osservazioni formulate dai comuni e della soprintendenza possano essere recepite all’interno della tavola dei vincoli. La questione deve essere affrontata dal punti di vista tecnico. Questa è la strada che intendiamo intraprendere per tutelare i territori della Città Metropolitana di Roma”. (agg. 16/05 ore 13.10)

LA RISPOSTA DEL DELEGATO DI CITTA’ METROPOLITANA. “Prendiamo atto della risposta del delegato alle Politiche Ambientali della Città Metropolitana che si è detto disponibile a un tavolo congiunto, anche con la Regione Lazio, per recepire le osservazioni del Comune di Fiumicino contro l’ipotesi Pizzo del Prete”. Così Ezio Di Genesio Pagliuca, assessore uscente alle Politiche del Territorio e candidato della Lista del Partito Democratico, replica alle dichiarazioni di Manunta, sottolineando come “la nota inviata dal sindaco Montino a tutti gli enti e amministratori interessati, compreso il consigliere Manunta, proponeva un approfondimento tecnico di questa natura.
Ci auguriamo però che, questa volta, pareri, vincoli, segnalazioni dalla Soprintendenza Archeologica e tutti i fattori cosiddetti ‘escludenti’ a una localizzazione di un impianto di gestione dei rifiuti tra Fiumicino e Cerveteri vengano finalmente recepiti in una nuova mappa aggiornata dalla Città Metropolitana con ‘un altro colore’”. E conclude: “Considerare zona bianca Pizzo del Prete è inconcepibile e lo dico basandomi esclusivamente su questioni tecniche e di vincoli al Ptpr. Per superare le questioni politiche è necessario che quanto già inviato alla Regione Lazio sia aggiornato e corretto. Perché le intenzioni e i buoni propositi si misurano con i fatti. E che la cartografia del 2018, dopo un anno trascorso dai miei uffici a inviare relazioni e documenti, sia rimasta identica a quella del 2017 rimane un fatto verissimo e davvero sconfortante”. (Agg. 16/05 ore 13.50)

ULTIME NEWS