Pubblicato il

Il senatore Francesco Battistoni (FI) a Tidei : ''I parlamentari  del territorio non sono stati invitati''

Il senatore Francesco Battistoni (FI) a Tidei : ''I parlamentari  del territorio non sono stati invitati''

S. MARINELLA – «Noto con stupore, ma forse non dovrei, che il candidato Tidei a distanza di cinque giorni non riesce ancora a comprendere lo scambio intercorso fra noi, che pensavo fosse finito con il suo doveroso silenzio». Il senatore di Forza Italia, Francesco Battistoni, attacca senza mezzi termini il candidato sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei (Pd). «Per correttezza di informazioni – afferma il senatore Battistoni – riporto integralmente la risposta inviata a quanto obiettato dal candidato. Approfitto, invece, per ribadire, ancora una volta, quanto detto subito dopo l’evento tenutosi presso il Castello di Santa Severa, nonostante, si sa, non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire: ovviamente, lungi da me contestare la presenza del Presidente Zingaretti all’evento, piuttosto, stride con l’intento di dare lustro all’iniziativa la strumentalizzazione di quest’ultima a fini elettorali, mettendo in scena una passerella elettorale del solo candidato sindaco Tidei, oltre, in maniera marginale, ma non troppo, il mancato rispetto del «protocollo istituzionale», per cui non è stato fatto pervenire alcun invito ai rappresentanti del territorio attualmente in Parlamento».(agg. 18/05 ore 8,58) segue

L’ATTACCO A TIDEI. «Il buon Tidei – aggiunge Battistoni –  oltre a bisticciare con la logica e con i numeri, si comporta come quegli stolti a cui indichi la luna ed indugiano a guardare il dito. La sua sterile quanto banale replica, infatti, non solo non tiene conto del recente risultato politico nel Paese e nel territorio che gli compete, ma è finanche priva di senno ed opportunità, poiché il frastornate esito elettorale dovrebbe suggerire quantomeno sobrietà e cautela se non aprire ad una revisione critica ed autocritica sui modi di agire ed operare. Se Tidei non ricorda che il sottoscritto ha ottenuto il 42% dei voti contro il 18% del centrosinistra, con ben quasi 4000 voti a Santa Marinella, non fa nulla, ma se non riesce a capire la lezione del 4 marzo e pensa ancora di poter ingannare  i cittadini con luci, canti e parole di circostanza, vuote quante vane, c’è qualcosa di pernicioso su cui consigliamo caldamente di indagare».(Agg. 18/05 ore 9.30)

DITO PUNTATO CONTRO LA REPLICA DI TIDEI. «La replica di Tidei è pertanto fuorviante, al limite del ridicolo, – conclude il senatore – poiché volta più a marcare una presenza, a ricordare la propria esistenza, che non a replicare alle mie affermazioni che, per la loro natura, avrebbero meritato ben altri ragionamenti da parte sua e delle spiegazioni diverse, se non delle scuse, a quanto da me affermato. Ma in fondo lo capisco. Quando si è colti sul fatto, è difficile replicare senza prendere ulteriori cantonate. Bisognerebbe tacere, ma una siffatta scelta richiede una serietà di fondo, un modo diverso di intendere la politica e le istituzioni del Paese, di cui, i teatranti della sinistra, sempre in scena con indosso la peggior maschera come l’altra sera a Santa Marinella, non sono portatori. Il loro teatrino non inganna più nessuno. Neanche gli elettori a loro più leali e vicini». (Agg. 18/05 ore 10)

ULTIME NEWS