Pubblicato il

''Ci metto la faccia  per la rinascita della città''

''Ci metto la faccia  per la rinascita della città''

Bruno Ricci, candidato sindaco del centrodestra,  illustra il programma elettorale in vista del voto del 10 giugno Le mie liste hanno una marcia in più: la freschezza dei giovani

SANTA MARINELLA – Da oggi iniziamo una panoramica sui candidati sindaci che sono impegnati in questa lunga campagna elettorale, cercando di capire quali sono i loro programmi e i loro sogni in caso di successo delle loro coalizioni. 
Bruno Ricci, esponente del centro destra santamarinellese, è figlio d’arte. Lo zio Achille, è stato sindaco della città dal ’96 al 2000. Da sempre nel volontariato, ha contribuito a promuovere progetti e ad erogare fondi a sostegno del sociale. (Agg. 20/05 ore 9.18) segue

LE LISTE. «Ho deciso di scendere in campo – dice Ricci – per fare del bene alla mia città ed alla mia gente, ci metto la faccia per abbracciare un progetto di rinascita di Santa Marinella, circondato da liste piene di giovani e tante donne qualificate, con i profili più vari ed esaltanti, professionisti e gente comune, studenti e gente impegnata nel sociale. Per conseguire i nostri progetti partirò dalla condivisione, dal confronto e dal coinvolgimento di quelle strutture civili come i partiti e le associazioni, che per troppo tempo non hanno pesato sulle scelte di sviluppo e crescita sociale. Le mie liste avranno questa marcia in più, la freschezza dei giovani ai quali ho chiesto un impegno per programmare loro stessi il futuro, la garanzia e determinata motivazione del gentil sesso, la mia volontà di fare dell’accoglienza e del senso civico la spinta trainante verso il miglioramento generale della nostra comunità che dovrà crescere in termini di coinvolgimento, trasparenza nei confronti dei cittadini che si avvicinano alle istituzioni per le loro esigenze, ordine e decoro che ingentiliscono i rapporti tra concittadini, a partire dalla casa comunale, che dovrà aprirsi sempre con garbo e benevolenza. Nelle nostre liste solo 4 su 64 candidati sono espressione della giunta passata, il cui lavoro comunque non si può cancellare con un colpo di spugna. I primi provvedimenti riguarderanno il recupero e la ricerca di fondi europei con i quali riqualificare le opere utili alla nostra città. In questo di certo ci aiuteranno i rappresentanti politici delle forze che ci sostengono, e di questo ne ho avuta certezza». (Agg. 20/05 ore 10)

IL PROGRAMMA. «Non è più tempo di promesse e programmi faraonici, tempo ed energie saranno impiegati per ascoltare ed accogliere le istanze della gente, la stessa gente dalla quale ho ricevuto un’investitura morale ed amichevole, per strada, con un sorriso ed una stretta di mano. Il rilancio, economico e sociale sarà un processo lungo, senza miraggi di promesse di lavoro facile, faremo di tutto per importare idee da Paesi che hanno le migliori soluzioni in termini di tecnologie, comunicazione con i cittadini, sviluppo urbanistico, inclusione sociale a tutti i livelli. Dovremo diventare educati ed accoglienti, dovremo formare gli operatori e tutti coloro che avranno modo di lavorare per la nostra città e la nostra gente. Dovremo favorire la crescita delle nuove generazioni, recuperare il rapporto con le persone rafforzandolo,con il nostro comportamento e la nostra disponibilità, certi che il buon esempio paga sempre». (Agg. 20/05 ore 10.30)

ULTIME NEWS