Pubblicato il

Incontro con i gestori di sale slot

Incontro con i gestori di sale slot

Lo annuncia l’assessore alle attività produttive Luciano Ridolfi. Appuntamento martedì alle 18 in sala giunta per approfondire la bozza del regolamento che l’amministrazione intende portare all’approvazione  

di TONI MORETTI

CERVETERI – L’assessore alle attività produttive e allo sviluppo economico, Luciano Ridolfi,  nel quadro più generale della consulta delle imprese, organismo già attivo con un tavolo di lavoro sempre aperto, rende noto che per martedì prossimo alle ore 18 presso la sala giunta del palazzo municipale in Piazza Risorgimento si terrà un incontro con chi esercita attività inerenti sale da gioco o che ospitano apparecchiature per il gioco,   per approfondire la bozza di regolamento, in parte già elaborato, per le sale slot,  regolamento che l’amministrazione comunale intende portare ad approvazione quanto prima.
Come si ricorderà, poco tempo fa  è stata pubblicata una ordinanza che imponeva alcune regole comportamentali in termini di orari di esercizio, di distanza da luoghi sensibili come scuole, che riguardavano i gestori di sale slot e gli esercizi commerciali di altra natura come i bar, che ormai ne erano infestati, che ospitavano al loro interno attrezzature da gioco, in verità attrezzature per un gioco d’azzardo, in questo caso legalizzato da concessioni governative che dall’altro lato invadeva i media di pubblicità che tentava di scoraggiarlo vista la loro tendenza a diffondere una vera patologia, la ludopatia che tanti guai ha provocato all’equilibrio psichico delle persone nonché alle loro finanze, provocando questioni indicibili e delicate.  
Non era raro infatti che anche a Cerveteri  si registrassero, nel tipico passaparola mugunato. Casi di usura legati all’esposizione finanziaria provocate proprio dalle macchinette mangiasoldi, o casi addirittura di prostituzione, da parte di signore, grandi frequentatrici  di queste sale, che esaurite le scorte di danaro, per continuare a giocare, offrivano prestazioni sessuali a pagamento agli altri avventori. 
Quella ordinanza è stata soltanto parzialmente e solo da pochi in qualche parte rispettata ma l’assessore Ridolfi, non demorde  e pensa alla necessità di uno specifico  regolamento comunale che disciplini queste attività, su una tematica così vasta e altrettanto delicata, per quelle che sono le competenze del comune, e in tal senso si è adoperato.
«Questo incontro – ha dichiarato Ridolfi –  rientra nell’ambito delle iniziative che il tavolo di lavoro avviato già mesi fa con la Consulta delle Attività Produttive vuole portare a disposizione degli operatori del settore, auspico quindi che ci sia  un’ampia partecipazione poiché, oltre ai vari spunti che potranno emergere, sarà presentata la bozza del regolamento elaborata sinora». 

 

ULTIME NEWS