Pubblicato il

La geometra De Paolis denuncia l’irregolarità dei lavori al cimitero

Fari puntati sulla regolarità del nuovo marciapiede di via Aurelia Nord

Fari puntati sulla regolarità del nuovo marciapiede di via Aurelia Nord

CIVITAVECCHIA – A poche settimane dall’inizio dei lavori per la realizzazione del nuovo marciapiede su via Aurelia Nord, nei pressi del vecchio cimitero, la geometra Elena De Paolis ha deciso di denunciare pubblicamente alcune incongruenze da lei riscontrate nei progetti approvati. (Agg. 21/05 ore 19.57) segue

“NON SI TIENE CONTO DEI DISABILI”. «Come al solito non si tiene conto dei disabili e delle carrozzine – dichiara – né tantomeno delle leggi che normano la realizzazione delle infrastrutture. Secondo il Dpr. n.503/1996 recante le norme per l’eliminazione delle barriere architettoniche, ad esempio, il dislivello tra piano del marciapiede e zone carrabili adiacenti non deve superare i 15 cm, ma purtroppo – spiega – non ci siamo; inoltre la larghezza del marciapiede deve essere di 150 cm, ma è in realtà di gran lunga inferiore, e, tenendo conto che per un tratto il marciapiede costeggia un muro con contrafforti, non ci siamo proprio». (Agg. 21/05 ore 20.30)

“E’ ANCORA POSSIBILE RIMEDIARE”. I fondi pubblici non possono essere erogati in assenza di rispetto delle norme di legge, soprattutto del rispetto dell’abbattimento delle barriere architettoniche – aggiunge – ed allora come dovremmo fare? Chi è quel fenomeno di progettista e direttore dei lavori? I soldi sono pubblici, ma i marciapiedi no. È ancora è possibile rimediare con poca spesa – continua – ma, qualora non si facesse nulla, sono pronta ad una denuncia formale denuncia presso la Procura della Repubblica. Siamo stanchi di essere considerati cittadini di serie B. Se poco possiamo fare per il pregresso – conclude – il nuovo fatelo bene». (Agg. 21/05 ore 21)

ULTIME NEWS