Pubblicato il

Quaranta artisti per l'Hospice: l'arte a servizio della comunità

Quaranta artisti per l'Hospice: l'arte a servizio della comunità

CIVITAVECCHIA – Sarà allestita per una settimana, da giovedì e fino al 31 maggio, la mostra di opere che quaranta artisti locali hanno deciso di donare all’hospice oncologico “Carlo Chenis” su iniziativa di Ombretta Del Monte. La pittrice civitavecchiese ha chiamato a raccolta associazioni come l’Ucai (Unione artisti cattolici italiani), Canto d’Amore e Artistica Traiano e singoli artisti che hanno deciso di partecipare al progetto, coordinato dalla Asl Rm4 e dal Comune di Civitavecchia, con la collaborazione della Fondazione Ca.Ri.Civ. L’intento è nobile. Quello di esprimere vicinanza, abbracciare simbolicamente e regalare un ultimo attimo di serenità ai pazienti della struttura e ai loro familiari, in un momento così doloroso come quello del fine vita. “Un gesto di amore – ha spiegato Del Monte – ma anche un mezzo comunicativo, per sensibilizzare la nostra comunità, far conoscere questa nuova realtà da poco inaugurata”.Apprezzamento da parte del direttore generale Giuseppe Quintavalle che ha definito gli artisti “40 angeli”. “Oggi abbiamo un hospice funzionante e funzionale – ha spiegato – all’interno si respira umanità: e questo è il principio ispiratore, lo stesso che muove anche questa iniziativa. Un modo per far sentire la vicinanza della nostra comunità a queste persone, nel momento più difficile della loro vita”. La mostra sarà allestita presso la ex chiesa San Giovanni di Dio di piazza Calamatta, “luogo ideale – ha sottolineato il vicesindaco Daniela Lucernoni – per ospitare questi eventi. L’assessore D’Antò ha sposato il progetto; un modo per garantire un attimo di distrazione in un momento in cui è difficile distrarsi”.  

Il vernissage è in programma giovedì alle 18, con la mostra che sarà poi aperta fino al 31 maggio dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, con le opere che saranno poi trasferite presso la struttura di via Braccianese Claudia. 

Nel frattempo l’hospice sta procedendo verso la piena operatività. “Abbiamo ottenuto il personale per iniziare anche l’attività domiciliare – ha infatti sottolineato Quintavalle – e a breve partiremo con il reclutamento”. Intanto è iniziato oggi il workshop tenuto dal professor Pierpaolo Visentin sull’importanza dell’umanizzazione delle cure, rivolto a familiari ed operatori della struttura. Saranno altri tre gli appuntamenti in programma: 18 giugno, 28 giugno e 14 settembre.    

VIDEO

ULTIME NEWS