Pubblicato il

Ricorso al Tar e  segnalazioni in Procura

Ricorso al Tar e  segnalazioni in Procura

PERLA DEL TIRRENO. Continuano le polemiche  

SANTA MARINELLA – Continuano le polemiche sull’assegnazione dello stabilimento balneare comunale Perla del Tirreno da parte dei residenti di Santa Marinella e delle forze politiche cittadine. E’ infatti notizia di pochi giorni fa, del ricorso al Tar da parte di una delle società partecipanti alla gara indetta dal Comune e di alcuni cittadini che si sono rivolti in Procura della Repubblica di Civitavecchia, per contestare le modalità di svolgimento del bando di gara. Sulla spiaggia della Perla del Tirreno interviene Isola Magrini, candidata nella lista Amici dello sport che supporta la candidatura a Sindaco di Pietro Tidei. (Agg. 22/05 ore 11.33) segue

“AFFITTO OMBRELLONI, COSTI IRRAGIONEVOLI”. La candidata, vuole mettere in evidenza l’aumento inconsiderato dei prezzi che la società vincitrice del bando ha proposto ai suoi vecchi e nuovi clienti. “Nei giorni scorsi – spiega la Magrini – mi è arrivato un messaggio in cui vengo invitata a versare, per conferma della prenotazione tramite bonifico, il 50% del costo di un ombrellone e due lettini in seconda fila, al modico prezzo di 800 euro mensili e che ciò varrà come conferma del posto in spiaggia dello scorso anno. Ora, visto l’aumento sconsiderato del prezzo rispetto la passata stagione, mi chiedo come possa un cittadino di Santa Marinella permettersi di spendere 800 euro al mese per scendere in spiaggia qualche ora. Dopo tanti anni che frequento quella spiaggia, mi trovo costretta a desistere e a rinunciare alla compagnia delle famiglie che frequentavano con me l’arenile, a causa dell’eccessivo aumento”. “Inoltre – continua la Magrini – mi chiedo anche, come possono i nostri concittadini portare i figli al mare se i prezzi sono così proibitivi? Probabilmente la società aggiudicatrice ha voluto far ricadere sui propri avventori le maggiori spese dovute all’aggiudicazione della gara, ma ciò non è assolutamente tollerabile e rispettoso verso tutti coloro che frequentavano abitualmente la spiaggia. Allo stesso modo l’amministrazione comunale avrebbe dovuto, a mio modesto parere, inserire nel bando di gara delle agevolazioni per i residenti considerato che la spiaggia è comunale o perlomeno calmierare i prezzi da proporre ai suoi clienti. (Agg. 22/05 ore 12.10)

“COSRETTI A FREQUENTARE ALTRI LUOGHI”. “Probabilmente, se saremo eletti – conclude la candidata – questo sarà l’ultimo anno in cui la spiaggia comunale verrà  assegnata in questo modo e con questi parametri, ma in ogni caso, in questa stagione, ci troveremo costretti a frequentare altri luoghi per respirare quella brezza marina che contraddistingue la nostra zona. Ancora una volta hanno perso i cittadini di Santa Marinella”. (agg. 22/05 ore 12.40)

ULTIME NEWS