Pubblicato il

Infrastrutture e zls per rilanciare il porto

CIVITAVECCHIA – ‘‘La portualità italiana, un sistema in equilibrio tra interessi pubblici e privati. Il sistema portuale nazionale tra criticità e sfide per il futuro’’. È stato questo il tema del convegno in programma martedì pomeriggio presso la sala “Ivano Poggi” della Compagnia Portuale Civitavecchia. Convegno che ha chiuso i festeggiamenti per i 121 anni della Cpc, caratterizzati da un ricco calendario di eventi ed iniziative varie, tra sport, cultura, sociale e portualità. Gremita la sala Poggi, con il presidente Enrico Luciani ed il suo vice Patrizio Scilipoti soddisfatti per la partecipazione e per il dibattito scaturito.

«C’erano rappresentanti istituzionali e del cluster portuale nazionale – ha spiegato Luciani – con delegazioni venute dai più importanti porti del Paese». Questo a testimonianza dell’attualità delle tematiche trattate, soprattutto all’indomani della riforma della portualità e della logistica. Si è parlato delle nuove sfide del lavoro portuale e del portuale europeo, figura sulla quale la Cpc sta lavorando da anni, formando il suo personale e rendendolo sempre più professionale. E ancora dell’intermodalità sostenibile, di nodi e rete di porti e logistica, dei nuovi strumenti della portualità italiana e della collaborazione sana tra politica e cluster marittimo, tra Capitaneria e mondo portuale, del pericolo dell’autoproduzione e del ruolo delle nuove Adsp. Presente per Molo Vespucci la segretaria generale Roberta Macii, la quale ha auspicato il mantenimento della pace sociale all’interno dello scalo «dove ho registrato – ha spiegato – una litigiosità che non fa bene. Il ruolo delle Adsp èq uello di mediare tra pubblico e privato, proprio per mantenere un giusto equilibrio». Una cosa è stata sottolineata da parte di tutti gli intervenuti: quella cioè che senza le adeguate infrastrutture, Civitavecchia-Orte in primis, il porto non può crescere. Allo stesso tempo è necessario oggi spingere sul progetto delle zone logistiche speciali, già avviato da Adsp ed Unindustria, con la Regione pronta a sostenerlo. 

ULTIME NEWS