Pubblicato il

Aggredito dai gabbiani: pensionato finisce in ospedale

Aggredito dai gabbiani: pensionato finisce in ospedale

L'episodio è accaduto ieri mattina al cimitero vecchio: l'uomo, per schivarli, è caduto rovinosamente a terra. Per lui setto nasale rotto e diverse contusioni. Non è la prima volta che i volatili attaccano i visitatori

CIVITAVECCHIA – Sono ormai l’incubo dei visitatori del cimitero vecchio, soprattutto di chi si reca a portare i fiori sulle tombe dei propri cari nei pressi della cappella Olivieri. È lì sopra, infatti, che da tempo ormai hanno nidificato dei gabbiani, diventati particolarmente aggressivi.  (Agg. 24/05 ore 9.21) segue

AGGREDITO DA UN GABBIANO. E ieri mattina l’ennesimo episodio, finito male però per un pensionato civitavecchiese, costretto a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso.  Secondo le testimonianze dei presenti l’uomo si stava recando, come spesso accade, alla tomba di famiglia quando due gabbiani hanno iniziato a volteggiare sempre più verso terra, prendendo di mira proprio le persone. Per schivarli ed evitare di essere beccato, però, il pensionato è caduto rovinosamente a terra. Subito è stato soccorso dai presenti; chiamata l’ambulanza è stato trasferito all’ospedale sembrerebbe con il setto nasale rotto e qualche contusione. I gabbiani, in realtà, avevano tentato di aggredire anche altre persone, e non è la prima volta. Chi frequenta il cimitero racconta di episodi che si verificano spesso e chi li costringono a girare con ombrelli, scope e qualsiasi cosa possa proteggerli da eventuali attacchi.     (Agg. 24/05 ore 10)

IL PARERE DEGLI ESPERTI. Secondo gli esperti, i gabbiani si rendono pericolosi anche con l’uomo perché in questa stagione nidificano e la presenza poco distante dei piccoli li rende molto aggressivi, per la paura che qualcuno possa fare loro del male. È proprio questo infatti il periodo in cui i piccoli si stanno involando, con gli esemplari adulti che si dedicano a fare buona guardia. E così, infatti, è successo anche al cimitero, con i piccoli nati da poche settimane. (Agg. 24/05 ore 10.30) 

ULTIME NEWS