Pubblicato il

Integrativi aziendali, Argo perde la causa

Integrativi aziendali, Argo perde la causa

Il tribunale dà ragione ai lavoratori ricorrenti: la sospensione è giudicata illegittima. Si parla di circa tre anni di arretrati da saldare e di cifre elevate

CIVITAVECCHIA – Argo condannata a ripristinare gli istituti della contrattazione collettiva integrativa sospesi dal 1 aprile del 2014. Nei giorni scorsi la sentenza che dà ragione ai lavoratori e mette la parola fine a questa vicenda, iniziata con la decisione dell’ex liquidatore Carlo Romano di sospendere l’integrativo aziendale, frutto di una delibera comunale del 2003. I lavoratori hanno poi presentato ricorso presso il tribunale di Civitavecchia Impugnando il fatto che questa sospensione non era prevista né possibile. (agg. 29/05 ore 9.30) segue

LA SENTENZA. Nella sentenza, infatti, si parla di «sospensione unilaterale di alcuni obblighi contrattuali» che «non può ritenersi legittima». L’avvocato che si è occupato della causa è Alessandra Giunco, partner dello studio legale Guarna Assanti e Associati. I lavoratori stanno valutando la possibilità di fare ricorso contro chi ha preso la decisione, anche perché pare sia stato proposto, proprio dai lavoratori, di cercare soluzioni extragiudiziali anche alle varie amministrazioni che si sono succedute. Ma niente. (agg. 29/05 ore 10)

3 ANNI DI ARRETRATI. In questi giorni però è arrivata la batosta perché si parla di circa tre anni di arretrati (gli istituti erano stati ripristinati l’8 settembre 2017 con il passaggio a Csp) da saldare e, secondo prime stime, di cifre che si aggirano intorno ai 600mila euro. Una somma che NewCo difficilmente può reperire, con la palla che passa quindi al Comune.   (agg. 29/05 ore 10.30)

ULTIME NEWS