Pubblicato il

Concessi tre encomi per meriti sportivi

Concessi tre encomi per meriti sportivi

Si apre così il consiglio comunale che si preannuncia agitato  

di TONI MORETTI

CERVETERI – Avvio stanco del consiglio comunale di ieri. Si tarda un po’ a cominciare in attesa che arrivassero i consiglieri necessari a coprire il numero legale e dopo circa una mezzora sull’orario previsto, si comincia. Solita ritualità, appello del presidente del consiglio Travaglia, inno nazionale e via con un minuto di silenzio per ricordare la recente scomparsa di un dirigente del comune, Virginio Giammaruchi, padre di un funzionario comunale attualmente in servizio e subito dopo si è proceduto quindi ad insignire di un encomio per meriti sportivi a Paolo e Vitaliano Serracchiani che nella disciplina della scherma, con le loro squadre hanno ottenuto risultati che fanno onore allo sport di Cerveteri. Ultimo encomio al giovanissimo Daniele Stirpe che nonostante la sua tenera età, è già vice campione italiano di sciabola. L’aria creata da questi passaggi se vogliamo allegri e di soddisfazione, non è prevalsa però su quella di sospetto che si respirava dall’inizio tra maggioranza e opposizione ed in particolare tra i consiglieri De Angelis e Orsomando a destra e Juri Marini a sinistra, che tentavano di percepire le intenzioni della maggioranza circa la volontà di mettere in discussione e rispondere le numerose mozioni ed interrogazioni che le due parti hanno presentato. Era come se si aspettassero un colpo di mano me l’inizio del confronto quando è cominciato il vero consiglio comunale, non sembrava garantire esito diverso.  La cosa più paradossale che si è sentita è stata quella di portare alla verifica della commissione competente una richiesta di intitolazione di alcune strade. E’ giusto esaminare meriti e contenuti dei candidati ma se uno di questi è San Francesco D’Assisi, pare perlomeno superfluo.

ULTIME NEWS