Pubblicato il

Punta di Palo, M5S: ''Ladispoli sta morendo sotto una colata di cemento''

Punta di Palo, M5S: ''Ladispoli sta morendo sotto una colata di cemento''

I pentastellati intervengono sull'inizio dei lavori a Punta di Palo e chiamano in causa la maggioranza: "Lo scaricabarile non salverà il nostro territorio dal cemento".

LADISPOLI – A Punta di Palo iniziano i lavori e il Movimento 5 Stelle punta il dito contro l’amministrazione comunale per non aver bloccato il Piano Integrato. “Punta di Palo con i suoi 55mila mq di cemento abitativo alle porte della città – scrivono i grillini – a ridosso di un sito naturalistico di importanza europea, è l’ennesima speculazione edilizia che favorirà interessi di pochi a danno di tutti i cittadini di Ladispoli, distruggendo l’equilibrio naturale del bosco di Palo, aumentando del 10% la popolazione residenziale e abbettendo il valore degli immobili dei cittadini”. (agg. 04/06 ore 11.46) segue

“IL SINDACO E’ SCESO IN UNO STRATEGICO SILENZIO”. Il Movimento 5 Stelle torna a interrogare il primo cittadino e la sua maggioranza. “Quando il 28 settembre 2017, in Consiglio comunale, il Movimento 5 Stelle fece un appello alle forze di maggioranza per bloccare la speculazione di Punta di Palo, il sindaco Grando rispose che era sua intenzione verificare l’iter del piano integrato per applicare il suo programma e bloccarlo. Da allora il Sindaco è sceso in uno strategico silenzio, non rispondendo alle nostre domande in proposito (le ultime fatte con nostro comunicato l’11 maggio scorso). D’altra parte la scelta del Sindaco di non dotarsi di un Assessore all’Urbanistica, ma di trattenere per sè la delega, è la prova di una voluta scarsa attenzione e svuotamento di competenze, per una visione urbanistica del territorio adeguata a una città da 43mila abitanti e coerente con le promesse fatte in campagna elettorale”. (agg. 04/06 ore 12.15)

PUNTA DI PALO, M5S: “LO SCARICABARILE NON SALVERA’ IL NOSTRO TERRITORIO DAL CEMENTO”. “A nome della cittadinanza noi ringraziamo il Sindaco, la giunta ed i consiglieri di maggioranza (quelli della restante opposizione che hanno sempre lavorato con coerenza e trasparenza a cementificare Ladispoli) per questo disastro che state permettendo sul nostro territorio. E non si nasconda il Sindaco – conclude il Movimento 5 Stelle – dando la colpa alla passata amministrazione Paliotta (che a sua volta, tempo fa, riversava le colpe sulla Regione). Lo scaricabarile non salverà il nostro territorio dal cemento. Sono state fatte delle promesse e i cittadini hanno votato avendo quelle come riferimento. Noi cittadini a Cinque Stelle continueremo comunque la nostra battaglia nelle altre sedi istituzionali sovracomunali. E anzi ogni vostra azione ostile alla comunità ci darà motivcazioni per trovare risorse ed energie per portare le nostre battaglie fino alle sedi competenti. Faremo di tutto per impedire che i cittadini di Ladispoli debbano vivere questa ennesima vergogna”.(agg. 04/06 ore 12.45)

ULTIME NEWS