Pubblicato il

Candidati a confronto: 4 su 8

Candidati a confronto: 4 su 8

Gli aspiranti primo cittadino hanno risposto ad otto domande parlando di Turismo, Lavori pubblici e Sviluppo Tidei: «Una dimostrazione di capacità per il nostro programma»

SANTA MARINELLA – Si è tenuto domenica un interessante confronto tra i candidati sindaco, che hanno risposto ad otto domande tutte incentrate sui problemi che investono Santa Marinella. Tantissimi i sostenitori delle liste partecipanti alle elezioni che hanno partecipato al convegno, che però si è tenuto con soli quattro candidati sindaco su otto (Tidei, De Antoniis, Pisacane e Settanni), mentre hanno rifiutato il confronto Ricci, Casella, Rossanese e Marongiu. (agg. 05/06 ore 6.18) segue

“TANTI PAROLONI”. «Il confronto – ha spiegato Tidei – è stata una occasione per mettere assieme tutte le migliori speranze per il futuro di Santa Marinella e Santa Severa ed ha dimostrato chiaramente la superiorità delle capacità progettuali e gestionali della coalizione che con orgoglio sto guidando. Tanti paroloni, molti anche di difficile comprensione, ma chiaramente nessuno dei concorrenti ha saputo indicare dove attingere le risorse finanziarie per sistemare questa città, completare le poche opere iniziate e riformare il tessuto urbano finalmente a misura d’uomo e secondo le esigenze della collettività. Interessanti le proposte di De Antoniis e di Pisacane, ma è evidente che l’esperienza paga, che l’esperienza è la qualità necessaria per uscire da una brutta situazione come quella che avvolge Santa Marinella e la sta facendo sprofondare verso la depressione. E’ stato puerile il tentativo dell’ultimo candidato (Settanni ndr), completamente estraneo alla politica e alla città, di raccontare bugie avendo terminato i pochi argomenti a disposizione, ma i cittadini sono saggi e non si faranno prendere per il naso da chi non è in grado di dimostrare le proprie affermazioni. Il candidato del M5S Settanni, non si rende conto di essere strumento di chi vuole intorbidire le acque e diluire i voti di lista, recita la sua parte di pensionato impegnato, ma non ha né gli strumenti culturali né un programma valido per poter dare alla città soluzioni che non siano semplici promesse o dichiarazioni d’intento». (Agg. 05/06 ore 7.20)

RIFLETTORI PUNTATI SUGLI ASSENTI. «Dispiace che la metà dei candidati,  non abbia avuto il tempo e forse la faccia, da dedicare ai cittadini – conclude Tidei – segno che quanto andiamo dicendo è giusto, che alcune candidature servono soltanto a coprire gli interessi di altre persone che avrebbero fatto meglio a metterci la loro, di faccia. Bruno Ricci si è probabilmente reso conto di rappresentare proprio le persone che hanno portato lo sfascio in una città che doveva essere amministrata ed invece è stata sfruttata ed abbandonata, non ha avuto il coraggio di sostenere il confronto diretto con i cittadini che sono stati letteralmente danneggiati dalle persone che lo sostengono. Domenica prossima i numeri gli confermeranno quanto sto dicendo da sempre. La campagna elettorale sta volgendo al termine, il progetto che abbiamo presentato è vincente, Santa Marinella ha bisogno di tornare agli antichi splendori, ne ha la potenzialità, ne ha la storia, i cittadini se lo meritano, tutti. Noi, soltanto noi, lo sappiamo fare». (Agg. 05/06 ore 8.12)

ULTIME NEWS