Pubblicato il

Infiorata, grande successo

Infiorata, grande successo

I tolfetani domenica hanno dimostrato il forte legame con la tradizione Tornati i primo piano i festeggiamenti per il Corpus Domini

di ROMINA MOSCONI

TOLFA – Grande successo domenica scorsa per ‘’L’infiorata di Tolfa: l’arte della tradizione’’. Ancora una volta i tolfetani hanno dimostrato il forte legame alla cultura della tradizione. La tradizione dell’infiorata è forte e di perde nella notte dei tempi ma negli ultimi anni era diventata un evento considerato di serie B, ma i tolfetani si sono rimboccati le maniche rivalorizzando questa bellissima arte e così domenica, nella giornata in cui si è festeggiato il Corpus Domini, le strade colorate hanno reso Tolfa una galleria d’arte a cielo aperto. «Non sono mancate le sedie di legno, i “triangoli “ segnali mobili di pericolo a funzionare come transenne lungo le vie già alle prime luci del mattino, per non far passare le macchine a dimostrazione che la tenacia è stata tanta da mettere in sicurezza tutti i volontari in modalità “fai da te”. (agg. 07/06 ore 11.17) segue

L’EVENTO. Sono bastati semplici ingredienti: tanto tanto amore per il paese, lo spirito di mettersi in gioco ed il ricordare questa tradizione sul gruppo facebook ‘‘Sei di Tolfa se’’, per far ritornare alla memoria la sua bellezza – spiega Valentina Tagliani – tutto il paese si è preparato a questo evento: i bar hanno messo da parte i fondi dei caffè, in tantissimi hanno raccolto fiori in campagnia e altri hanno fatto visita a qualche falegname per prendere il materiale di scarto. Un grande sforzo nella ripresa, ma che ha visto Tolfa riavere di nuovo la sua tradizione con le sue arti in gran parte delle vie del percorso del Corpus Domini». Colorato e ottimamente riuscito il capolavoro artistico realizzato dal gruppo scout in piazza Vittorio Veneto così come quello all’ingresso della Chiesa della Madonna della Sughera dell’Asda, quelli lungo via Annibal Caro storica “via delle botteghe”, quelli piazzetta di Sant’Antonio e quelli lungo il viale d’Italia. I cittadini hanno dimostrato talento ma soprattutto la voglia di essere paese, non è stato un caso aver trovato etnie diverse lavorare insieme, ma anche bambini ed anziani preparare i fiori magari ricordando qualche aneddoto del passato. «Un particolare ringraziamento – prosegue  Valentina Tagliani – va al sindaco Luigi Landi e al parroco Don Giovanni Demeterca, che si sono resi utili nel dare supporto sia amministrativo che parrocchiale. Ma particolare stima va al consigliere Ramona Vittori, unico rappresentante consiliare presente tra la sua gente che, indossando la giacca da semplice cittadina e guanti in lattice, ha vissuto questa esperienza sporcandosi le mani e credendo sempre che l’arte di un paese è fatta dai suoi abitanti»’.  (Agg. 07/06 ore 12.30)

IL RINGRAZIAMENTO. In ultimo, ma non per questo meno importante, un ringraziamento doveroso a tutti coloro che si sono alzati all’alba per rendere possibile tutto ciò, a tutti i tolfetani che hanno preparato caffè o portato semplicemente bottigliette d’acqua ai volontari, a chi prendendo le scope domestiche ha aiutato a ripulire le strade post-evento e a tutti coloro che hanno dedicato scatti fotografici ed il loro tempo ad immortalare una grande comunità a lavoro. Dato il risultato raggiunto, l’obiettivo per il prossimo anno, avere una pianificazione comunale dell’evento che permetta di vivere questa esperienza anche a via XX settembre, piazza Diaz e la parte mancante di viale d’Italia per realizzare un percorso continuo delle Arti Effimere e far conoscere questa arte della tradizione nella sua totale bellezza. Sicuramente anche questa volta Tolfa ha dimostrato che se la cultura non va dai tolfetani, sono loro stessi che si riprendono la loro cultura della tradizone». (Agg. 07/06 ore 13)
 

ULTIME NEWS