Pubblicato il

Csp, ancora niente compattatori

Csp, ancora niente compattatori

Ieri l’arrivo di due costipatori ma per un ritorno alla normalità ci sarà da attendere ancora un po’, soprattutto per la differenziata messa ko da rotture e atti vandalici. C’è ancora molto da fare ma l’amministratore si dice fiducioso. De Leva: «I tre nuovi mezzi a noleggio dovrebbero arrivare tra dieci, massimo quindici giorni»  

CIVITAVECCHIA – La situazione non migliora sul fronte dei rifiuti e si naviga a vista. L’amministratore di Csp Francesco De Leva però è ottimista. Proprio ieri, infatti, sono arrivati due costipatori «mentre entro 10, massimo 15 giorni, arriveranno i tre nuovi compattatori a noleggio». Con l’arrivo dei nuovi mezzi la situazione dovrebbe tornare alla normalità. Ma la Csp sta lavorando anche per far fronte ai disagi nella raccolta che sorgono quando a causa delle festività si vengono a creare dei ponti, soprattutto nelle periferie. Come ad esempio il caso dei giorni scorsi quando lunedì in gran parte di San Liborio i cassonetti erano sommersi di buste della spazzatura. (agg. 07/06 ore 9.37) segue

LA SOLUZIONE. «Per ovviare a questo problema – ha spiegato De Leva – in accordo con i sindacati e con i lavoratori, quando ci sono due giorni festivi ne consideriamo uno come se non lo fosse. Per quanto riguarda la differenziata i mezzi rotti hanno aggravato la situazione. Una situazione emergenziale incrementata anche dall’inciviltà di alcuni cittadini civitavecchiesi e che vengono da fuori ad abbandonare rifiuti non consoni come materassi». Comunque si resta sempre sul bilico dell’emergenza e la maggior parte dei rifiuti sembrano ‘‘ordinaria amministrazione’’ piuttosto che rifiuti straordinari. «Una delle cose che stiamo modificando – ha continuato De Leva – è la raccolta di rifiuti nei festivi cercando di ampliarla alla prima e alla seconda circoscrizione nei festivi. Comunque la maggior parte dei problemi legati alla raccolta dovrebbero risolversi con l’arrivo dei nuovi compattatori». I problemi sono tanti ma De Leva si dice al lavoro per risolverli. Sicuramente il clima non è dei migliori. (Agg. 07/06 ore 10)

IL CASO TFR. «Questa – ha evidenziato l’amministratore Csp – è una fase d’assestamento che porta tanti problemi delle vecchie Sot e non ha ancora i benefici di una New. co. Csp – ha aggiunto De Leva – si porta dietro una valigia pesante ma in prospettiva siamo convinti di poterla svuotare». Nelle settimane scorse è scoppiato il caso Tfr, con l’allarme lanciato da vari esponenti politici e dall’Ugl. Il tutto proprio una comunicazione dell’amministratore De Leva. «Per legge – ha spiegato De Leva – il giudice ha assegnato attivo e passivo alla Csp, io non potevo che attenermi a questa disposizione. Questo non vuol dire che il Tfr non verrà erogato integralmente – ha rassicurato – ma nelle modalità previste dalla legge. Nel passaggio ci sono state delle implicazioni più complesse da attuare. Siamo ancora in una fase di affanno e ci sono alcuni contratti di servizio da rivedere». Una situazione non certo rosea, gli allarmi lanciati dai sindacati sono molti ma l’amministratore sembra fiducioso e si dice sicuro del fatto che nell’iter di passaggio non siano stati violati accordi sindacali. Una cosa è sicura: c’è molto da lavorare e Civitavecchia continua a soffrire sul fronte raccolta rifiuti. (Agg. 07/06 ore 10.30)

ULTIME NEWS