Pubblicato il

Anche l'Italcementi nel fondo immobiliare

Anche l'Italcementi nel fondo immobiliare

È l’idea alla quale sta lavorando l’amministrazione comunale dopo gli scarsi risultati raggiunti con la proprietà. Ancora incerto il futuro del compendio industriale: la Sgr deve ancora arrivare alla conclusione del procedimento  

CIVITAVECCHIA – Inserire il compendio dell’ex Italcementi all’interno del fondo immobiliare. È questa l’intenzione dell’amministrazione comunale, come confermato dallo stesso sindaco Antonio Cozzolino, il quale confida di sciogliere a breve, nell’arco di un mese al massimo, la questione della costituzione del fondo da parte della Sgr. Un progetto sul quale, nonostante i dubbi iniziali, gli ostacoli, le difficoltà e le criticità manifestate, il Pincio continua a credere; anche se sono passati quattro anni ormai, senza che sia partito nulla, a partire proprio dalla riqualificazione di Fiumaretta, la prima delle sedici iniziative di riqualificazione indicate. (agg. 10/06 ore 8.26) segue

IL FONDO IMMOBILIARE. Oggi il Pincio vuole cercare di trovare nel fondo immobiliare la soluzione per la struttura industriale al centro della città, chiusa da anni ormai, ed abbandonata ad un destino per niente chiaro. I colloqui con i vertici della società al momento non hanno portato nulla di concreto. Dubbi e riserve sono stati espressi da chi, oggi, per poter intervenire in quel sito ha espresso la necessità di trovare un investitore, non essendo loro dei costruttori. Ma quale sia il progetto, come si potrebbe sviluppare e quali saranno le caratteristiche è ancora tutto da definire. Anche perché c’è da affrontare anche la questione legata alle Casermette, così come quella degli ex lavoratori.(Agg. 10/06 ore 9)

IL PROGETTO. L’unica cosa certa, e lo ha ribadito Cozzolino, è che non si vuole assolutamente percorrere la strada che aveva intrapreso l’ex sindaco Tidei. «Un quartiere di 300mila mc di volumetrie in pieno centro non serve a nessuno» ha più volte detto il primo cittadino parlando di un dimezzamento delle volumetrie. Lo scorso anno erano stati i consiglieri di minoranza Guerrini e Mecozzi, attraverso una mozione, a chiedere che venisse investito il consiglio comunale per condividere un’ipostesi progettuale o comunque una linea guida da proporre poi all’Italcementi. Ma a quanto pare la richiesta sembra essere caduta nel vuoto. Insomma, tra i ritardi della costituzione del fondo e un accordo ancora da definire con Italcementi, i tempi sembrano essere ancora piuttosto lunghi per poter definire quello che sarà il reale futuro dell’area. (Agg. 10/06 ore 9.30)

ULTIME NEWS