Pubblicato il

Auditorium Massimo Freccia, la riapertura forse entro la fine dell'anno

Auditorium Massimo Freccia, la riapertura forse entro la fine dell'anno

L'amministrazione pronta a pubblicare il bando di gara. Chi se lo aggiudicherà potrà realizzare anche un cinema al suo interno. L'assessore Milani: «Fino ad oggi assente anche il certificato di agibilità della struttura»

LADISPOLI – Entro la fine dell’anno, salvo imprevisti burocratici, l’auditorium Massimo Freccia, potrebbe riaprire i battenti. Nelle settimane scorse l’amministrazione comunale ha approvato l’atto di indirizzo tramite il quale si andrà alla pubblicazione di un bando di gara per l’affidamento della struttura a un privato. Sarebbe ben il terzo bando di gara che gli amministratori di palazzo Falcone metterebbero in sesto per cercare di trovare un gestore per il teatro che “sogna” di trasformarsi anche in un cinema, dopo la chiusura dello storico cinema Lucciola a piazza Marescotti. (agg. 12/06 ore 8.21) segue

AUDITORIUM INAUGURATO SENZA L’AGIBILITA’. Con la realizzazione dell’Auditorium Massimo Freccia, la nuova sala cinematografica sarebbe dovuta sorgere all’interno della struttura sulla via Settevene Palo. Già l’allora amministrazione comunale, guidata dal sindaco Crescenzo Paliotta, aveva messo a punto un bando per la ricerca di un privato a cui affidare una parte dell’auditorium per un uso in co-gestione col comune degli spazi in cambio della realizzazione del grande schermo. Ma per ben due volte il bando all’epoca proposto dalla passata amministrazione, forse poco allettante per un privato che avrebbe dovuto sborsare ingenti somme di denaro, è andato deserto. Ora l’amministrazione Grando sta tentando nuovamente nell’impresa. Qualche settimana fa la Giunta ha di fatto varato un atto di indirizzo che va in questa direzione. Chi si aggiudicherà l’auditorium dovrà dare seguito a una serie di interventi di completamento della struttura (come ad esempio il riscaldamento ad oggi assente) così da poter arrivare innanzitutto ad ottenere il certificato di agibilità. Inoltre, per una concessione dell’Auditoriu di diversi anni, il concessionario potrà apportare anche delle migliorie, tra le quali, l’amministrazione ha inserito anche un cinema che la società che si aggiudicherà il bando, potrà realizzare nella sala principale della struttura.(agg. 12/06 ore 9)

IL COMUNE CHIEDERA’ L’USO DEI LOCALI PER LE REALTA’ DEL TERRITORIO. «Il comune – ha sottolineato l’assessore alla Cultura Marco Milani – avrà comunque la possibilità di utilizzare gli spazi. Abbiamo infatti richiesto che la struttura sia concessa, a noi e alle realtà del territorio, per determinati periodi dell’anno» così da garantire anche alle piccole realtà, ma ben affermate, che insistono sul territorio comunale di avere uno spazio dove potersi esibire.«Imparando dagli errori del passato, dove il bando per ben due volte è andato deserto – ha aggiunto Milani – abbiamo apportato delle modifiche, dunque, per rendere appetibile a privati la possibilità di investire sulla struttura» che ad oggi, sebbene già inaugurata, risulta ancora chiusa. Se l’iter burocratico dovesse proseguire senza intoppi, si potrebbe arrivare a dama già entro la fine dell’anno.(agg. 12/06 ore 9.30)

 

ULTIME NEWS