Pubblicato il

Si rinnova la flotta dei rimorchiatori

Si rinnova la flotta dei rimorchiatori

Festa grande ieri in porto per l’arrivo di “Laziale”, un mezzo moderno ed efficiente, che garantisce sicurezza e rispetto dell’ambiente. Soddisfatto l’ad della società Alessandro Russo. Un investimento importante che conferma il legame con il porto di Civitavecchia 

CIVITAVECCHIA – Una vera e propria festa, tra giochi d’acqua, musica e piroette del mezzo, accolto dagli applausi dei presenti. Un ingresso in grande stile nelle acque portuali, quello di ieri sera, per Laziale, entrato a far parte della flotta dei Rimorchiatori Laziali spa.

“Per noi oggi è una giornata assolutamente da festeggiare – ha commentato Alessandro Russo, amministratore delegato della società che oggi conta circa 70 unità lavorative – un investimento importante per noi, in termini di sicurezza e di rispetto dell’ambiente”. Laziale infatti, grazie alle sue caratteristiche tecniche, potente ma dalle dimensioni compatte, garantisce una maggiore manovrabilità, potendo operare in spazi ristretti, con prontezza, rapidità ed efficienza anche in condizioni di emergenza, come spesso può accadere in porto. Grazie poi alla collaborazione con l’Adsp e, in particolare, con Port Utilities, la rete elettrica portuale è stata adeguata in modo tale da consentire alla flotta di rimorchiatori di connettersi direttamente alla rete elettrica portuale, minimizzando emissioni di gas di scarico ed inquinamento acustico durante le fasi di stand-by operativo all’ormeggio. “Un aspetto questo importante – ha commentato il presidente di Molo Vespucci Francesco Maria di Majo – che segue la strada tracciata dal nostro ente è che va verso un sempre maggiore efficientamento energetico”. (Agg. 14/06 ore 14.35) segue

IL CURRICULUM. Laziale, uscito dai cantieri Sanmar Shipyard di Tuzla (Istanbul), entra far parte della flotta composta oggi da sei rimorchiatori, oltre alle bettoline. Va a sostituire un altro mezzo, andato in pensione, così come farà il prossimo rimorchiatore che arriverà entro la fine dell’anno. Per il gruppo Cafimar, da decenni presente in porto con la sua partecipata Rimorchiatori Laziali S.p.A., si tratta di un investimento complessivo di oltre 10 milioni di euro, segno evidente della volontà di mantenere saldo il legame con Civitavecchia, affrontando al meglio le nuove sfide, “ispirando sempre maggiore fiducia – ha aggiunto Russo – nei clienti e in tutti gli operatori portuali”. (Agg. 14/06 ore 15)

LA BENEDIZIONE DEL VESCOVO. Dopo il cambio di bandiera e la benedizione del vescovo, monsignor Luigi Marrucci, alla presenza delle autorità civili e militari, tra cui il vicecomandante generale del corpo delle Capitanerie di porto Antonio Basile, esponenti politici e rappresentanti del cluster marittimo, il rimorchiatore Laziale ha iniziato ufficialmente il suo lavoro. “Mezzi avanzati come questo – ha concluso il direttore marittimo del Lazio Vincenzo Leone – sono necessari in porto: siamo fieri di poter contare su una flotta così efficiente”. (Agg. 14/06 ore 15.30)

ULTIME NEWS