Pubblicato il

Agricoltura Tarquinia, inoltrata la richiesta di calamità naturale

Agricoltura Tarquinia, inoltrata la richiesta di calamità naturale

Ennesima tegola sul settore, già fortemente provato, a causa delle piogge e della grandine che giovedì si sono abbattute sulla cittadina tirrenica L’assessore Serafini: «Triste epilogo di una stagione sfortunata»

TARQUINIA – È stato subito avviato l’iter per la richiesta di calamità naturale. Una nuova tegola si è infatti abbattuta sul settore agricolo di Tarquinia a causa della pioggia e della grandine che giovedì si sono abbattute fortemente nel territorio danneggiato le colture in atto: orticole, frutticole e cerealicole. In particolare si parla di gravi danni a meloni, cocomeri e grano, devastati anche dal vento. (agg. 16/06 ore 21.32) segue

SOPRALLUOGO DEGLI ONOREVOLI BATTISTONI E BATTILOCCHIO. Nella stessa giornata di giovedì pomeriggio è stato effettuato un sopralluogo da parte degli esponenti politici del territorio al governo: in città il senatore di Forza Italia Francesco Battistoni e l’esponente della Lega, onorevole Umberto Fusco. 
«Triste epilogo di una stagione sfortunata», il commento immediato sui social dell’assessore Pietro Serafini che conferma come il Comune si sia subito attivato per la richiesta di riconoscimento della calamità naturale, per poter accedere al risarcimento danni. Il Comune ha infatti  scritto una lettera al Ministero delle Politiche agricole, al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e altri dirigenti: «Nel pomeriggio e nella serata del 14 giugno 2018 – si legge nella richiesta – si sono verificate abbondanti piogge accompagnate da forti grandinate e raffiche di vento che hanno causato nell’intero territorio comunale gravi e diffusi danni alle coltivazioni, con particolare riguardo alle ortive in pieno campo e alle colture cerealicole ed hanno irrimediabilmente compromesso  tali produzione agricole”. (Agg. 16/06 ore 22)

BLASI (M5S), SOLIDARIETA’ AGLI AGRICOLTORI. Presa di posizione anche della consigliera regionale Silvia Blasi, del Movimento Cinque stelle, che ha stigmatizzato l’evento calamitoso che ha colpito la cittadina tirrenica. 
«Esprimo tutta la mia vicinanza alle aziende agricole  che nella giornata di ieri sono state danneggiate dalle forti grandinate e bombe d’acqua  avvenute a Tarquinia e in altri comuni della Tuscia. A quanto pare il forte maltempo ha messo fine ad ettari di colture, con una stima approssimativa  di danni per centinaia di migliaia di euro. Farò tutto il possibile per portare la voce degli agricoltori nelle sedi opportune, sperando che sia possibile  recuperare il grande danno economico causato da questa improvvisa e grave calamità naturale» (agg. 16/06 ore 22.30)

ULTIME NEWS