Pubblicato il

Operazione ''500X'': sei arresti sul litorale

Operazione ''500X'': sei arresti sul litorale

Sgominata dai Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia una banda dedita allo spaccio Sequestrati telefonini, denaro, hashish, marijuana, cocaina e anche una pistola

CERVETERI –  I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno concluso un’importante operazione che ha portato all’arresto di 6 persone, responsabili a vario titolo di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Durante il blitz è stato sequestrato anche un ingente quantitativo di droga. (agg. 30/06 ore 10.03) segue

LE INDAGINI – Durante i normali servizi di controllo sul territorio i militari hanno fermato un ragazzo a bordo di una 500X che alla vista dei Carabinieri ha mostrato atteggiamenti sospetti. Da qui i militari hanno avviato una serie di indagini che hanno portato a carpire che il ragazzo disoccupato e proveniente non da famiglia agiata potesse essere dedito a qualche attività illecita, spiegando così anche il possesso di un’auto abbastanza costosa. Da qui i militari dell’Arma hanno avviato un’attività investigativa fatta di appostamenti e pedinamenti, avviata attorno alla metà di maggio, che ha portato a scoprire come il ragazzo frequentasse delle persone dedite a attività illecite. Sono dunque scattate anche le intercettazioni telefoniche che hanno permesso ai Carabinieri di individuare altri quattro soggetti. Questa mattina, dunque, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è scattato il blitz. A finire nel mirino dei militari, indagate in concorso, 3 persone di Cerveteri e 2 di Ladispoli. Per uno di loro, D.R. di 27 anni si sono aperte le porte del carcere, mentre per altri tre D.P.I. 24 anni (di Ladispoli), D.A. 28 anni (Cerveteri), D.L. 46 anni sono stati disposti i domiciliari. Obbligo di presentazione davanti al P.G. invee per F.L. 24 anni (di Ladispoli). Durante i controlli a casa di D.P.I. i militari hanno rinvenuto 600 grammi di marijuana, 10 panetti di hashish da 100 grammi l’uno, 50 grammi di cocaina, diverso materiale per il confezionamento, vari telefoni cellulari intestati a persone fittizie, diverso materiale utilizzato per la coltivazione della sostanza stupefacente e 7mila euro in contanti già suddivisi all’interno di buste indicanti il numero della partita di droga a cui si riferivano. Sul comodino della camera da letto, inoltre, è stata trovata una pistola. Tutti elementi che hanno portato alla fine alla trasformazione della misura cautelare ai domiciliari in arresto in flagranza di reato, tanto che anche per il giovane ladispolano si sono spalancate le porte del carcere di Civitavecchia. (Agg. 30/06 ore 13.30)

DUE ARRESTI PER FLAGRANZA DI REATO. Durante il blitz di questa mattina, inoltre, i militari della Stazione di Civitavecchia, hanno notato altre due persone (estranee all’indagine condotta) che allarmati alla vista dei militari sono rientrati immediatamente all’interno della loro abitazione. I Carabinieri insospettiti hanno così provveduto a controllare anche i due scoprendo anche in questo caso, una vera e propria serra dove veniva coltivata marijuana. All’interno della dimora dei due coniugi, pregiudicati, A.G. di 36 anni e H.H. di 32 anni, i militari hanno rinvenuto vari tipi di semi, marijuana già pronta per la lavorazione e divisa per qualità, 40 piante di marijuana dell’altezza di circa un metro ciascuna, 30 grammi di cocaina e panetto di polvere d’hashish per l’uso alimentare. Anche i due coniugi sono stati arrestati in flagranza di reato.

A CHI ERA DESTINATA LA DROGA. Molto probabilmente le sostanze stupefacenti rinvenute dai militari dell’Arma erano destinate alle piazze di Cerveteri e Ladispoli. Non è escluso che i militari procedano all’analisi delle partite di droga sequestrate per capire se tra i cinque arrestati e i due coniugi pregiudicati possa esserci un qualche tipo di legame. (agg. 30/06 ore 14)

ULTIME NEWS