Pubblicato il

Agraria Tarquinia, Borzacchi: ''Creare un caso politico è da irresponsabili''

Agraria Tarquinia, Borzacchi: ''Creare un caso politico è da irresponsabili''

Il presidente dell'ente di via Garibaldi replica al gruppo Idea Sviluppo dopo la defezione in consiglio e le dichiarazioni seguite «La disastrosa situazione economica non consente investimenti, pertanto il bilancio è necessariamente tecnico»

TARQUINIA – Non è tardata ad arrivare la replica del presidente dell’Università Agraria di Tarquinia Sergio Borzacchi dopo la nota di fuoco del gruppo Idea Sviluppo. «Il bilancio di previsione e il Dup (Documento Unico di Programmazione) per il triennio 2018/2020 sono stati approvati dal consiglio di amministrazione dell’Università Agraria nonostante l’assenza voluta dei consiglieri del gruppo Idea Sviluppo – sottolinea subito il numero uno del palazzo di via Garibaldi –  Mi rammarica molto la loro decisione di non partecipare al consiglio, una scelta che rappresenta un atto di sfiducia nei miei confronti e nei confronti di quei consiglieri che responsabilmente sono rimasti in aula votando il bilancio di previsione e che ringrazio. Ritengo che le motivazioni addotte dal gruppo Idea Sviluppo prima di abbandonare la seduta del consiglio di amministrazione siano pretestuose e legate più agli incarichi in giunta che alla partecipazione alla stesura del bilancio. Negli ultimi mesi, infatti, i contatti che ho avuto con i rappresentanti del gruppo hanno sempre avuto come oggetto la richiesta di rimuovere dalla giunta esecutiva uno dei due assessori da loro stessi indicato, tra l’altro eletto nella loro lista».
«Se invece di preoccuparsi delle poltrone avessero realmente avuto a cuore l’Università Agraria ed avessero voluto partecipare al bilancio, – afferma il presidente Borzacchi – avrebbero potuto prendere parte alla riunione appositamente convocata, anche su loro richiesta, prima del consiglio, per trattare l’argomento e presentare gli emendamenti entro i tempi previsti. In un momento così difficile per l’Università Agraria, che vive una situazione economica drammatica, ereditata dalle precedenti amministrazioni e che stiamo cercando di risolvere con tutti i mezzi a nostra disposizione, è assolutamente da irresponsabili creare ad arte un caso politico basato su quelle vecchie logiche che hanno portato a questa condizione».
«Certi atteggiamenti e certi giochi al rialzo non mi riguardano ed appartengono al passato. – tuona Borzacchi –  la mia idea di amministrazione punta a portare l’Ente fuori da questa palude, per restituire a Tarquinia una risorsa preziosa. Noi stiamo lavorando duramente per questo obiettivo, fortunatamente la maggior parte dei consiglieri lo ha capito, se altri non vogliono comprendere, ne prendo atto e continuerò a lavorare nell’interesse dell’Università Agraria di Tarquinia con chi ha a cuore i veri problemi dell’Ente».
«Appena avrò a disposizione i dati necessari a comprendere i motivi per i quali l’Ente si trova in questa difficilissima situazione economica, – conclude il presidente Sergio Borzacchi – gli stessi saranno resi noti agli utenti. La disastrosa situazione economica non consente investimenti di nessun genere, pertanto il bilancio, necessariamente, è un bilancio tecnico. Gli utenti hanno diritto di conoscere la reale situazione dell’Ente e le cause che hanno creato questa assurda situazione».
 

ULTIME NEWS