Pubblicato il

Civitavecchia Infrastrutture: fallimento all'attenzione del consiglio

Civitavecchia Infrastrutture: fallimento all'attenzione del consiglio

Maggioranza ed opposizione hanno deciso di affrontare i problemi relativi alla società nel corso di alcune sedute dedicate della commissione bilancio. L'obiettivo è verificare se esistano o meno profili di responsabilità. Sì anche all'istituzione del dat e alla possibilità di concedere immobili in comodato d'uso alle associazioni di volontariato. Approvata una variazione di bilancio 

CIVITAVECCHIA – Un consiglio comunale piuttosto tecnico quello che si è svolto questa mattina all’aula Calamatta. Diversi i punti affrontati, a partire dalla questione del fallimento di Civitavecchia Infrastrutture. Un fallimento in realtà differente, in termini economici, da quello delle altre partecipate. Si parla in questo caso di un credito di 20mila euro circa che ha fatto “saltare il banco”: una cifra esigua rispetto ai problemi che ne sono sorti. È stato il Pd, attraverso il consigliere Marco Di Gennaro, a presentare una mozione nella quale si chiedeva l’istituzione di una commissione di indagine sulla vicenda, per verificare – ha spiegato – se vi siano o meno profili di responsabilità da parte dell’amministratore pro tempore e chiarire quali conseguenze potrebbe avere il fallimento della società municipalizzata Civitavecchia Infrastrutture sulla bolletta dell’acqua anche dopo il passaggio ad Acea (la società fallita era responsabile della rete idrica)”. In realtà, come spiegato dal sindaco Cozzolino, gli uffici stanno già procedendo in questo senso, con il Comune che ha inoltre impugnato il fallimento della società. Poi, dopo una breve discussione, si è arrivati alla sintesi, approvata all’unanimità: quella cioè di dedicare diverse sedute della commissione bilancio alla questione, cercando di trovare le giuste risposte. in caso contrario, allora, si potrà istituire la commissione d’indagine. Nel frattempo è stata approvata la proroga della commissione d’inchiesta sul comparto termale, così come richiesto dal presidente sandro De Paolis “per riuscire – ha spiegato – a reperire diversi documenti non presnti al Comune e sequestrati nel corso degli anni. Mancano molti tasselli”. (agg. 16/07 ore 18.24) segue

LE VARIAZIONI DI BILANCIO. Sì del consiglio anche alle due variazioni di bilancio spiegate dall’assessore Florinda Tuoro. La prima è di 2,6 milioni di euro ed è relativa al rimborso che Acea dovrà erogare per il contratto di servizio con Csp, relativo all’idrico, inizialmente in capo al Comune fino a marzo, ma prolungato anche per via del fallimento stesso di Civitavecchia Infrastrutture. L’altra invece, di 97mila euro, è relativa ad una nuova entrata derivante da alcuni diritti patrimoniali e destinata al progetto di videosorveglianza delle aree pedonali del centro storico. (agg. 16/07 ore 19)

APPROVATO IL REGISTRO DAT. Il consiglio ha poi approvato il regolamento per l’istituzione del registro delle dichiarazioni anticipate di volontà relative ai trattamenti sanitari (Dat),approvando la mozione presentata dal gruppo Pd. unanimità anche per la proposta del consigliere Alessandra Riccetti di prevedere la possibilità di concedere immobili in comodato d’uso alle associazioni di volontariato. In questo caso la mozione è stata emendata, prevedendo una ricognizione dei locali presenti e del loro stato, la ricognizione delle onlus cittadine e l’individuazione dei criteri per l’assegnazione dei locali. “Oggi,  ritengo, si possa registrare una vittoria dei tanti cittadini volontari che in silenzio e con grandi difficoltà – ha commentato Riccetti –  danno un forte e meritevole contributo alla nostra comunità”. (agg. 16/07 ore 19.30)

ULTIME NEWS