Pubblicato il

Icpl e Cfft: Grasso si appella al ruolo di garanzia del Sindaco

Icpl e Cfft: Grasso si appella al ruolo di garanzia del Sindaco

Anche Petrelli (Ripartiamo dai cittadini) interviene sulla movimentazione dei container nello scalo parlando di clamoroso autogol da parte dell'Adsp. Il coordinatore di Forza Italia Roberto D'Ottavio: "Ci riserviamo di far intervenire la nostra rappresentanza parlamentare sulla questione, attraverso un'interrogazione al ministro competente". Fortunato (M5S) garantisce massima attenzione

CIVITAVECCHIA – “Sono giorni decisivi per tanti posti di lavoro e per lo sviluppo del porto, della città e del territorio. Mi rivolgo al Sindaco, affinché assuma e svolga senza perdere altro tempo, come sta cercando di fare nella vicenda Enel/carbone, quel ruolo di garanzia istituzionale che finora è mancato per Icpl e Cfft”. L’appello arriva dal capogruppo de La Svolta Massimiliano Grasso. Per quanto riguarda Icpl, infatti, il 23 luglio scadrà il termine per l’ennesima asta “e si rischia che anche quei gruppi internazionali seriamente interessati a rilevare la struttura – ha spiegato – si allontanino definitivamente perché nessuno gli dà le garanzie che chiedono, soprattutto circa i contratti in essere per attività ora svolte presso la struttura, ma che nulla hanno a che vedere con quello che dovrebbe essere e l’interporto. Mi auguro che il Sindaco, al quale due anni fa più volte chiesi invano di attivare la decadenza della concessione al concessionario fallito, oggi decida finalmente di svolgere il suo ruolo, per ottenere dal Tribunale una dilazione dei termini che consenta tutti i chiarimenti necessari affinché i soggetti interessati presentino la loro offerta e non si perda l’ultimo treno per la rinascita di Icpl”. .

Il capogruppo de La Svolta si dice preoccupato anche di quanto sta avvenendo per Cfft. “Per conquistare un traffico servono mesi, spesso anni di lavoro, in cui le imprese, gli operatori, tutto il porto – ha aggiunto – devono conquistare la fiducia di chi porta il traffico. Per distruggere questo patrimonio di credibilità basta pochissimo. E quando questo avviene, le conseguenze sono devastanti non solo per l’azienda che le subisce, ma per tutto il porto, con danni di immagine e di perdita di credibilità enormi. Non si doveva arrivare a questo punto, trattandosi peraltro di uno dei rari casi in cui negli ultimi tempi si erano portati numeri positivi, sotto ogni aspetto. Inoltre, si profila uno scenario a breve in cui il porto rischia di diventare un far west, senza più alcuna certezza delle regole. È necessario intervenire subito per evitare che tutto ciò accada. Nel porto il garante è e deve essere il presidente dell’Adsp, ma visto il rilevante impatto sull’economia e l’occupazione cittadina, il Comune non può rinunciare al suo ruolo politico e istituzionale. Il tavolo già convocato per la vicenda Enel intervenga subito anche per Cfft e la questione, insieme a quella dell’interporto, venga portata in discussione anche in Consiglio Comunale”. (SEGUE)

PETRELLI E D’OTTAVIO – Sulla vicenda legata al terminal agroalimentare è intervenuto anche Vittorio Petrelli, di “Ripartiamo dai cittadini”, il quale riferendosi all’ordinanza del presidente dell’Adsp sullo scarico dei container, parla di una vicenda anacronistica ed assurda, perché “dopo anni di attività della Cfft presso le banchine pubbliche, dopo investimenti milionari per adeguare la logistica all’esigenze sempre più competitive del trasporto moderno – ha sottolineato – si decide di revocare l’autorizzazione per una mera impostazione burocratica e comunque per mancanza di adeguamenti dello strumento di concessione che sono imputabili al proprietario della banchina ossia alla stessa Autorità Portuale di sistema. In una politica di federalismo portuale ormai raggiunto dai porti più efficienti quali quelli  europei ma anche da alcune realtà più brillanti italiane, dove si sostiene e si promuove l’evoluzione della logistica, si favoriscono la dinamicità dei traffici e la polivalenza operativa, a Molo Vespucci si decida di fatto di interrompere un rapporto di quelle dimensioni, perché questo determinerà l’attuazione di quell’ordinanza. Per non pensare a quale immagine burocratica si propaganderebbe a futuri e potenziali investitori la nostra Autorità di Sistema Portuale. Viene da domandarsi se sia lecito – si è chiesto Petrelli – essere ostaggio della Rtc, e soprattutto se la sua concessione sia ancora legittima dopo la mancata attuazione degli impegni di movimentazione che era stato elemento fondante di quella concessione, questione che si era anche sollevata ma sulla quale non si è mai voluto andare fino in fondo. Per questi motivi invitiamo il Presidente ed i suoi stretti collaboratori  ad un atto di coraggio e di responsabilità perché Civitavecchia non può permettersi un clamoroso autogol, perché di questo si tratterebbe, senza parlare delle conseguenze in termini di perdita di posti di lavoro”.

Perchè, come ricorda il coordinatore di Forza Italia Roberto D’Ottavio, “c’è un aspetto delle politiche di gestione pubblica delle attività produttive sul territorio di competenza che non dovrebbe mai essere dimenticato: il lavoro va salvaguardato, in ogni forma. Per questo, apprendere della piega che ha preso la vicenda della movimentazione dei prodotti ortofrutticoli nel porto di Civitavecchia – ha evidenziato – è per noi sorprendente. Revocare l’autorizzazione alla Cfft mette a repentaglio lo stipendio dei lavoratori e, peraltro, pare rispondere più all’esigenza di monopolio di un operatore che non a reali esigenze di sviluppo, nel libero mercato, delle attività di quel settore merci che resta un potenziale purtroppo inespresso del nostro scalo. Perciò il tema sarà, nell’esclusivo interesse dei lavoratori, oggetto di un appuntamento al presidente dell’Adsp Francesco Maria di Majo per verificare se sono state attuate in questa fase tutte le forme di tutela del lavoro. Ci riserviamo di far intervenire la rappresentanza parlamentare di Forza Italia sulla questione, attraverso un’interrogazione parlamentare al ministro competente”. (Agg. 18/07 ore 17.06)

LA REPLICA DI FORTUNATO – “Capisco la paura di restare indietro in quella campagna elettorale che sembra ormai essere partita in grande stile, però vorrei ricordare al collega che nella questione carbone/Enel il nostro intervento era incentrato sul tutelare tutti i lavoratori e le aziende coinvolte. Se per lui un tavolo istituzionale che permetterà agli attori protagonisti della vicenda di provare a trovare una soluzione pacifica è perdere tempo non oso pensare a quali possano essere le “risoluzioni veloci” che potrebbe proporre. Mi permetto di rassicurarlo anche riguardo agli altri suggerimenti. Continuiamo a seguire la vicenda ICPL con molta attenzione e da molto vicino. Sono contento che si stia preoccupando della fuga dei possibili investitori stranieri, investitori che non avrebbero mai avuto la possibilità di avvicinarsi alla struttura se avessimo avviato, come da lui invocato, la decadenza della concessione, visto che oltre ad una probabile causa da parte del tribunale ci saremmo ritrovati “sul groppone” una serie di ipoteche milionarie che avrebbero di fatto bloccato qualsiasi tipo di investimento sull’interporto. Stiamo preparando le convocazioni per il nuovo Tavolo del Lavoro. È da quando è stato pubblicato il decreto dall’AdSP che sono in contatto con la Regione per monitorare una situazione che di giorno in giorno sta peggiorando. Per questo, visto anche gli attori coinvolti, non escludo che la questione arrivi direttamente a Ministeri competenti”. (Agg. 18/07 ore 19.09)

 

ULTIME NEWS