Pubblicato il

Una mozione per la riapertura della ferrovia per Orte

Una mozione per la riapertura della ferrovia per Orte

CIVITAVECCHIA – Aprire un confronto con il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per avvalersi della quota parte prevista dal finanziamento stabilito dal contratto di programma 2017/2021 – stipulato tra Ministero ed Rfi – per la riqualificazione della linea ferroviaria Civitavecchia-Capranica-Orte. È questa la richiesta contenuta nella mozione presentata dal consigliere regionale del M5S Devid Porrello e dal collega Valerio Novelli rivolta direttamente al Governatore del Lazio Nicola Zingaretti e all’assessore alle Infrastrutture e Trasporti Mauro Alessandri.  (agg. 19/07 ore 14.26) segue

VENTICINQUE ANNI FA L’ULTIMA LOCOMOTIVA SULLA LINEA FERROVIARIA. “È trascorso ormai più di un quarto di secolo da quando l’ultima locomotiva ha percorso la linea ferroviaria che unisce Civitavecchia con Orte passando per Capranica – ha spiegato Porrello – anni in cui la natura si è reimpossessata di questa infrastruttura di inizio Novecento che, per il paesaggio e i luoghi che attraversa, potrebbe essere riutilizzata per fini turistici, come già accade per tante linee minori italiane che da anni godono di un crescente successo di pubblico. La legge nazionale che le regola specifica che le linee possono essere definite tali se finanziate con l’accordo di programma con il gestore nazionale, in questo caso quindi le risorse sono già identificate nei 235 milioni stanziati nel documento siglato dal precedente Ministro delle Infrastrutture e Rete Ferroviaria Italiana Spa per il periodo 20172021 e di cui ne sono già stati impiegati 55 per altre tratte turistiche sul territorio nazionale”. (agg. 19/07 ore 15)

DEPOSITATA UNA MOZIONE. “Dopo anni di progetti e di proclami è giunto il momento di riaprire la Orte-Capranica-Civitavecchia – ha aggiunto il vicepresidente del consiglio regionale – ho quindi depositato una mozione per impegnare Zingaretti e l’assessore Alessandri ad aprire un dialogo con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la quota parte delle risorse stanziate nel contratto di programma necessarie per la riqualificazione dell’intera linea. Sono certo che con la collaborazione di tutti si potrà finalmente ottenere il ripristino della tratta ed aumentare la già ricca offerta turistica di tutto l’Alto Lazio”. (Agg. 19/07 ore 15.30)

ULTIME NEWS