Pubblicato il

Vertenze portuali, Perello auspica una sinergia politica

Vertenze portuali, Perello auspica una sinergia politica

Solidarietà del Pd ai lavoratori della Cfft 

CIVITAVECCHIA – “La città ha bisogno di una guida seria ed esperta che prenda di petto e risolva queste situazioni ormai ingestibili”. Il consigliere comunale de la Svolta Daniele Perello interviene sulla vertenza Cfft-Rtc, all’indomani dell’ordinanza dell’Adsp con la quale, in applicazione al vecchio piano regolatore portuale, viene vietato lo scarico dei container direttamente al terminal agroalimentare, passando obbligatoriamente per la banchina 25. 

“Una situazione – ha aggiunto Perello – che mette preoccupazione ai 65 lavoratori locali della società e dovrebbe interessare tutto il sistema politico e portuale civitavecchiese, e che invece vedo assente tranne poche persone, tra l’altro della mia parte politica. La cosa che noto con immenso dispiacere è che tutti gli esperti di portualità e difensori del porto che hanno riempito le cronache nei giorni scorsi sono muti su questa vicenda. Penso che in porto stia accadendo qualcosa di serio e preoccupante e che ci sia bisogno di sinergia politica, di trasversalismo e di una politica programmatica ben diversa. I lavoratori sono lavoratori sempre e non di serie A o di serie B – ha concluso – e le vertenze e problematiche lavorative devono essere tutte affrontate con la stessa attenzione e determinazione”.

Anche dal Pd arriva la solidarietà ai lavoratori della CFFT.” Una data di scadenza a breve termine, come quella del 15 settembre – spiega il segretario Germano Ferri – potrebbe non permettere i giusti dialoghi necessari a convincere le multinazionali, clienti del servizio portuale, del fatto che possono essere trovate delle soluzioni alla problematica creata. Alcune società hanno infatti già dichiarato di voler scegliere altri porti (Livorno e Salerno su tutti), qualora l’ordinanza dovesse avere rapida attuazione. Sicuramente oggi è fondamentale combattere la concorrenza esterna di altri porti, al fine di tutelare l’occupazione locale, piuttosto che emanare direttive che mettono in contrapposizione società interne al porto locale. Mi auguro quindi che si possa trovare una soluzione utile a tutelare i lavoratori, oltre che l’amministrazione comunale svolga il ruolo di garanzia necessario a salvaguardare l’occupazione nella nostra città”.

ULTIME NEWS