Pubblicato il

Economia circolare a Civitavecchia, per Smeriglio una bella notizia per tutto il Lazio

CIVITAVECCHIA – “L’apertura del nuovo corso di laurea in economia circolare, vale a dire quella che definisce un sistema economico pensato per potersi rigenerare da solo, è una bella notizia per Civitavecchia, per il Lazio e per l’Italia. Si tratta infatti di un investimento sul futuro, per immaginare e costruire le fondamenta di un nuovo modello di sviluppo, che ha a che fare con la sostenibilità, con l’ambiente e con la conoscenza. Pilastri di un approccio innovativo, una sfida che questo polo universitario ha intrapreso e che ha e avrà il supporto della Regione Lazio”.

A dichiararlo è Massimiliano Smeriglio, Vicepresidente della Regione Lazio, che ieri mattina ha partecipato all’inaugurazione del corso, insieme al Magnifico Rettore dell’Università della Tuscia, Alessandro Ruggieri, a tutte le Istituzioni locali, al Presidente di Unindustria Lazio, Filippo Tortoriello e alla Fondazione Cariciv, Valentino Carluccio, nella sede dell’Università di Civitavecchia.

“La Regione Lazio ci crede e ha già fatto molto in questo senso mettendo in campo fatti concreti: 180 milioni per la riconversione ecologica delle nostre imprese, 155 interventi già in corso, il piano “plastic free” approvato qualche giorno fa sul riuso e il riciclo, il progetto screen e i bandi per 155 milioni di euro sulla reindustrializzazione, sulla mobilità sostenibile, la bioedilizia e l’economia circolare, nonché l’istituzione, in questa porzione di territorio regionale, di ben tre Monumenti naturali, perché è in questo modo che si disegna una idea di sviluppo diversa, in cui il paesaggio, l’economia e la sostenibilità viaggiano insieme. L’intuizione dell’Università della Tuscia è quindi importante e lodevole e può diventare davvero punto di riferimento per il paese intero.” 

ULTIME NEWS