Pubblicato il

Tumori: 102 nuovi malati in 5 mesi

Tumori: 102 nuovi malati in 5 mesi

La Asl risponde alla richiesta dati da parte dei comitati ambientalisti cittadini. La Svolta, In nome del popolo inquinato, Civitavecchia C’è e Puntone de Rocchi chiedono conto del registro che si sarebbe dovuto attivare già da tempo. Il consigliere Grasso pronto a presentare un’interrogazione

CIVITAVECCHIA – Dal 1 gennaio al 31 maggio sono state attivate 102 esenzioni 048, ossia per soggetti affetti da patologie neoplastiche e da tumori dal comportamento incerto. A questi si aggiungono 29 asmatici, 12 persone affette da cardiopatia ipertensiva, 4 colpiti da altre forme di cardiopatia ischemica cronica, 2 pazienti con insufficienza respiratoria cronica, 2 con aterosclerosi, e poi un paziente per aritmie cardiache, per cardionefropatia ipertensiva e per ipertensione secondaria maligna. Sono questi i dati forniti dalla Asl Rm4 su richiesta dei comitati cittadini ‘‘In nome del popolo inquinato’’, ‘‘Civitavecchia C’è’’ e ‘‘Comitato Puntone de Rocchi’’. Comitati che se da un lato si dicono preoccupati per il dato sanitario – anche se va poi messo a confronto con altre realtà ed analizzato con più attenzione – dall’altro mettono in evidenza in modo particolare il dato politico, tornando a chiedere che fine abbia fatto il registro tumori cittadino, con il team guidato dal dottor Mauro Mocci. 

In questo senso il consigliere della Svolta Massimiliano Grasso, che ha accompagnato i comitati alla Asl, sostenendo questa battaglia, si è detto pronto anche a presentare un’interrogazione per capire quali siano le intenzioni dell’amministrazione e, in particolare del Sindaco, presidente tra l’altro della conferenza locale della Sanità. «Su questo aspetto e su molti altri temi su cui questa amministrazioni aveva fondato le basi – ha spiegato Grasso – è calato il silenzio. Ringraziamo intanto la Asl per la disponibilità; l’azienda ha anche assunto una epidemiologa che andrà ad analizzare questi dati andandoli a confrontare con altre realtà».

Un silenzio inaccettabile, secondo Roberto De Vito. È stato Roberto Melchiorri a rimarcare la necessità di procedere sulla strada del registro tumori – sul quale peraltro erano stati investiti anche dei finanziamenti – definendolo «uno strumento essenziale perché ci permetterebbe di avere un quadro chiaro di una situazione drammatica». Preoccupato anche Angelo Pierotti: «Parliamo di 154 nuovi malati per cinque mesi, uno al giorno – ha aggiunto – un dato tra l’altro incompleto, perché non considera decessi o persone in attesa. Eppure assistiamo a proclami, con i dati dell’Arpa che indicano una qualità buona dell’aria, con l’amministrazione che dice che qui non si inquina più. E invece la correlazione tra malattie ed ambiente non è da sottovalutare: il problema c’è e va affrontato. Basta con questo silenzio». 

ULTIME NEWS