Pubblicato il

La denuncia di Manciuria: «Spese legali fuori controllo»

La denuncia di Manciuria: «Spese legali fuori controllo»

Agli avvocati della Città Metropolitana sono andati oltre diecimila euro. Contestata la determina di affidamento a uno studio legale della città di Roma

di GRAZIAROSA VILLANI

ANGUILLARA – “Spese legali fuori controllo”. E’ quanto denuncia in una nota Sergio Manciuria, presidente della lista AnguillaraSvolta riguardo la determina n. 1057 del 3 Agosto 2018 con la quale viene conferito un incarico ad uno studio legale di Roma per complessivi 10.600 euro circa. “La passione della giunta Anselmo – scrive Manciuria – giustificata della mancanza di adeguata professionalità presente all’interno della struttura organizzativa dell’ente, sembra essere diventata a tutto campo il conferimento incarico ai più disparati studi legali dell’area metropolitana. Passione sicuramente motivata dagli eventi e dall’obbligatorietà dell’azione amministrativa ma che dopo due anni di mandato, vista l’entità delle somme accumulate delle quali tutt’ora non si conosce complessivamente l’ammontare, sembra oramai fuori controllo. “Se oggi l’oggetto dell’incarico – aggiunge Manciuria – è la difesa degli interessi del Comune avverso il decreto ingiuntivo promosso da Banca Sistema – rileva il referente sabatino – istituto finanziario notoriamente specializzato nel recupero crediti verso la pubblica amministrazione, in altre circostanze la nomina e corresponsione di parcelle, purtroppo ha riguardato l’elevato tasso di incapacità della diversamente amministrazione nella stesura di ordinanze (divieto balneazione su viale Belloni e senso unico di via San Francesco) o di atti gestionali complessi come nel caso dell’iter sulla variante della variante al PRGC e sul contenzioso presso la camera arbitrale con Sogeea Spa. Come AnguillaraSvolta, auspicando nell’immediato l’azione di un interrogazione a risposta scritta dell’opposizione consiliare, poniamo ai campioni della diversamente trasparenza una domanda semplice: quanto abbiamo speso in due anni e con quali criteri vengono conferiti e determinati gli importi delle parcelle? Atteso che non vi è traccia ufficiale nelle delibere di giunta e nelle determine del dirigente tanto sul riferimento ad un Albo degli Avvocati cui attingere le professionalità e curriculum quanto dello schema di calcolo o decreto ministeriale corrispondente alla quantità di denaro riconosciuta”.

ULTIME NEWS