Pubblicato il

Sfalci a Santa Marinella, pareri contrastanti

Sfalci a Santa Marinella, pareri contrastanti

Non si placano le polemiche legate all’ordinanza del sindaco  Antonio Floris: «Spero si possa trovare un punto d’intesa con il primo cittadino»

S. MARINELLA – Non si placano le polemiche relative all’emanazione dell’ordinanza del sindaco che obbliga i cittadini a riversare gli sfalci da giardino nei punti indicati dal Comune, invece che farli prelevare porta a porta dalla Gesam. Ma c’è anche chi invita i residenti e i turisti a conferire i differenziati nei due punti di raccolta, quelli posizionati a piazza Civitavecchia e a Santa Severa. (agg. 10/08 ore 10.37) segue

L’INVITO A TURISTI E VILLEGGIANTI. «Il conferimento – dice Lucia Petrocchi – potrà essere eseguito inserendo nell’apposito congegno il rifiuto nelle fessure che si aprono a sfioro, una per ogni tipologia differenziata vedi carta, vetro, plastica, umido e secco. In collaborazione con la società Gesam, l’invito è rivolto in particolar modo ai turisti ed ai villeggianti i quali, nel fine settimana, trovano difficoltà a conferire regolarmente i rifiuti. Risvegliamo il senso civico dei cittadini, per il corretto conferimento dei rifiuti e per mantenere più pulita la nostra città». (agg. 10/08 ore 11)

FLORIS SULLO SMALTIMENTO DEGLI SFALCI. Torna invece sullo smaltimento degli sfalci da giardino Antonio Floris che dopo aver invitato il sindaco a dialogare con i cittadini sulla questione dei rifiuti verdi, si dice deluso per la mancata risposta ricevuta. «Nonostante lo scarso interesse mostrato verso la precedente comunicazione – dice Floris – che mirava a stabilire con il sindaco un rapporto di collaborazione e di confronto in merito alla ordinanza, che di fatto ha escluso la raccolta dei residui degli sfalci e delle potature delle abitazioni, spero che si possa trovare un punto d’intesa. Tutto questo, limitando al solo conferimento l’operato della azienda preposta e gravando i cittadini di un onere che non ritengo giusto per chi già paga la Tari. Esiste una normativa che chiarisce le responsabilità legali. Dunque, in attesa di chiarimenti da parte del sindaco, non per me, ma per i tanti cittadini impossibilitati per diversi motivi a rispettare l’ordinanza, invito tutti a leggere con attenzione la normativa ma voglio precisare che, in alcun modo, sia intenzionato ad indurre i cittadini a non pagare il tributo». (agg. 10/08 ore 11.30)

ULTIME NEWS