Pubblicato il

Crisi idrica: parte la raccolta firme

Crisi idrica: parte la raccolta firme

I disagi si moltiplicano di zona in zona con quartieri a secco da giorni. Intanto rimane in vigore l'ordinanza di non potabilità a Boccelle, San Gordiano e Campo dell'Oro 

CIVITAVECCHIA – Boccelle, via Apollodoro, viale Matteotti, piazzale Torraca, via Buonarroti, San Liborio. Sono solo alcune delle zone da dove arrivano segnalazioni per la mancanza d’acqua. Rubinetti a secco da giorni in alcuni casi, in altri quartieri, invece, l’acqua scompare nel tardo pomeriggio per tornare la mattina. Disagi che si moltiplicano, senza che vi sia una soluzione. L’acqua manca. E anche il Pincio, dopo settimane di solleciti da parte dei cittadini, ha deciso di intervenire scrivendo formalmente ad Acea e chiedendo di trovare un modo per risolvere queste criticità. 

Nel frattempo i cittadini non stanno con le mani in mano. E come promesso il mese scorso quando è stato costituito il comitato spontaneo contro la carenza idrica – apolitico ma aperto a tutti i contributi possibili – si parte con la raccolta firme. Nella lettera di accompagnamento viene evidenziata «un’interruzione continua, costante e reiterata nel tempo – si legge – dell’erogazione di acqua per uso domestico ed igienico in vaste aree di Civitavecchia. Situazione venutasi a creare in modo allarmante soprattutto durante il periodo estivo, ma che è perdurata, peggiorando ad oggi». Come spiegato dal presidente e dal suo vice, rispettivamente Daniele Di Sante e Cinzia Luciano, l’obiettivo è quello di risolvere il grave problema, chiedendo con un esposto alla Procura della Repubblica «di voler accertare la sussistenza di eventuali responsabilità sull’accaduto – si legge ancora ipotizzando i reati di interruzione di pubblico servizio – al fine di applicare le dovute, quanto necessarie, sanzioni penali. In un paese normale l’esposto sarebbe dovuto partire dal Sindaco che sta subendo in maniera pesante i disagi legati prima alla presunta siccità, poi dal mal funzionamento dei vari acquedotti Acea-Oriolo che stanno diminuendo la portata dell’acqua. Purtroppo così non è stato e quindi – chiude la lettera – per impedire che la negazione di un diritto passasse inosservata abbiamo deciso che lo scriveremo di nostro pugno». 

Intanto i quartieri di Campo dell’Oro, San Gordiano e Boccelle devono fare i conti anche con la non potabilità dell’acqua, in base all’ordinanza emessa dal Pincio dopo le analisi eseguite dalla Asl sulle fontanelle pubbliche dei quartieri. In attesa dei risultati delle nuove verifiche, con Acea che è intervenuta per riportare la situazione nei limiti di legge, l’ordinanza rimane ancora in vigore.   

ULTIME NEWS