Pubblicato il

Declassamento Moody's, FdI: "Certifica la pessima gestione finanziaria pentastellata"

Declassamento Moody's, FdI: "Certifica la pessima gestione finanziaria pentastellata"

Duro intervento del circolo territoriale Fratelli d’Italia Giorgio Almirante  che punta il dito contro l’operato a Cinque stelle degli ultimi anni dicendosi al lavoro con il candidato Sindaco Grasso per porre rimedio "al disastro degli ultimi anni"

CIVITAVECCHIA – «La bocciatura di Moody’s certifica la pessima gestione economica e finanziaria della giunta pentastellata». Duro intervento del circolo territoriale di Fratelli d’Italia Giorgio Almirante. «Una delle più importanti ed autorevoli agenzie del mondo – proseguono da FdI – ha deciso di avviare l’ennesimo declassamento del rating del comune di Civitavecchia. Il rating è un giudizio sulla affidabilità di un soggetto che emette titoli di debito e viene reso a servizio degli investitori e della comunità finanziaria: enti e società solide vantano rating positivi e possono collocare titoli rappresentantivi del proprio debito a tassi vantaggiosi (bassi); enti e società con situazioni di bilancio critiche e prospettive negative hanno rating negativi (come quello attualmente riservato al nostro Comune) e, quindi, posso collocare i propri titolo a tassi molto elevati. Dalle grandi società quotate in borsa a tutti gli Stati del mondo – spiegano dal circolo Almirante – tutti sono soggetti al giudizio delle agenzie di rating, che non risponde certamente a logiche politiche ma esclusivamente a criteri economici e valutazioni sui bilanci. Già nel 2015 – incalzano da FdI – l’agenzia Moody’s aveva provveduto a bocciare solennemente i primi due anni di gestione della giunta a 5 stelle, ma il nuovo declassamento fa tremare le vene dei polsi. Siamo ormai prossimi a valutazioni da emittente di “junk bond” (“titoli spazzatura”). Ancora non sono stati ufficializzati i motivi della decisione di Moody’s, ma è piuttosto evidente che questa sia determinata dal peggioramento di tutti i parametri del bilancio comunale». (agg. 30/08 ore 18.11) segue

L’INDEBITAMENTO. Tra i punti più critici secondo Fratelli d’Italia ci sarebbe «l’enorme indebitamento ‘‘a breve’’ (il più costoso), ma soprattutto il potenziale fallimento a catena di quattro delle cinque società comunali (Infrastrutture, Città Pulita, Argo e Ippocrate). Il dato sul debito a breve (i soldi che la giunta si fa prestare dalle banche), il più costoso – avvertono dal circolo Almirante – è pauroso. Si consideri che attualmente si attesta sui 19 milioni di euro, con una media stabile degli ultimi anni di circa 15 milioni di indebitamento. È sufficiente pensare che nel decennio 2001/2010, tale voce sostanzialmente non abbia mai superato i 5 milioni di euro. Tale debito – tuonano dal direttivo – costa carissimo ed assorbe tutte le risorse che le altre giunte destinavano a servizi sociali, scuole, manutenzioni, eccetera. Cosa nasconde questo debito? Una criticità di “cassa” (ossia l’incapacità di incassare i crediti) che mette paura». (agg. 30/08 ore18.45)

PREOCCUPATA FDL. Una situazione che FdI definisce preoccupante e in peggioramento e sottolinea come «unitamente al proprio candidato Sindaco, Massimiliano Grasso, sta predisponendo un programma serio e sostenibile per porre rimedio al disastro degli ultimi anni. È una questione di uomini e di capacità. Nella gestione del bilancio – dichiarano dal direttivo di Almirante – i proclami contano ben poco. In questo settore, più che in altri, occorrono fatti concreti e molto solidi. Quando la gestione del bilancio fu assegnato alla giunta di centrodestra nel 2005, il giudizio di Moody’s era di nove livelli superiore a quello attuale: A1. Adesso siamo ad un rating Ba1 con prospettive negative (rischio di ulteriore declassamento). In pratica il comune di Civitavecchia da A1 (giunta di centrodestra De Sio) che corrisponde ad ‘‘alta qualità del credito, rischio di insolvenza molto asso’’, sta passando a B1, ‘‘qualità del credito pessima, alto rischio di insolvenza’’- concludono da FdI – alla faccia del risanamento del bilancio». (30/08 ore 19)

ULTIME NEWS