Pubblicato il

Manutenzione straordinaria delle fontane comunali

Manutenzione straordinaria delle fontane comunali

Affidamento in house alla Multiservizi per la realizzazione degli impianti di ricircolo  

di TONI MORETTI

CERVETERI – Uno dei problemi che affliggono la città è la scarsa e quasi nulla manutenzione delle fontane comunali cittadine e maggiormente di quella che si trova nei giardinetti nel Parco delle Rimembranze e quella situata al centro di piazza Santa Maria, di fronte al palazzo Ruspoli. Ciò che si lamenta è il continuo malfunzionamento dell’impianto di riciclo dell’acqua di queste due fontane che permettono loro di poter esercitare la loro funzione di acque zampillanti permettendo all’ente un notevole risparmio sui consumi, ma soprattutto evitando uno spreco di un bene che diventa sempre più prezioso per l’umanità. Ma come detto, nei due impianti, o per la mancata e scarsa manutenzione o per altri motivi, spesso le pompe che favoriscono il riciclo dell’acqua, cioè il riutilizzo, attraverso un sistema di recupero forzoso della stessa quantità di acqua che viene ciclicamente dispensata, si bloccano costringendo i cittadini, che frequentano le piazze anzidette con i bambini per trascorrere momenti di svago e di divertimento, a trovarsi di fronte ad acque stagnanti e maleodoranti  che persistono per alcuni giorni o a fontane vuote e sporche, anche perché il buontempone maleducato che provvede a riempirle di immondizia si trova sempre per non sfatare il mito che la mamma dei cretini è sempre incinta.  Sembra che il Comune abbia trovato la soluzione del problema affidando la riparazione e la necessaria manutenzione alla sua azienda in house, quella Multiservizi Caerite S.p.a della quale  è socio unico. All’uopo  il 24 agosto è stata firmata la determina dirigenziale n.1319 con la quale si affidano alla Multisevizi  gli interventi di manutenzione straordinaria per la fornitura delle parti e degli apparati necessari alla realizzazione degli impianti di ricircolo delle due fontane ed il relativo montaggio delle stesse per un importo totale di circa 30mila euro. 

ULTIME NEWS