Pubblicato il

Mencarini: ''Mi dimetto da sindaco di Tarquinia per ragioni politiche''

Mencarini: ''Mi dimetto da sindaco di Tarquinia per ragioni politiche''

Il primo cittadino ha ufficializzato e motivato le sue dimissioni “Questa maggioranza è continuamente ostaggio delle volubili volontà di gruppi di consiglieri”

TARQUINIA – È iniziato il conto alla rovescia. Ventuno giorni per tentare la strada del ripensamento. Poi, se tutto rimarrà invariato, il Comune di Tarquinia aprirà le porte al commissario prefettizio, fino a nuove elezioni previste nella primavera 2019.
Il sindaco di Tarquinia Pietro Mencarini poco fa  ha ufficializzato quella che in molti si auguravano fosse una decisione non confermata: le sue dimissioni.

Tutto vero, tutto confermato; con un carico – in verità -, maggiore rispetto a quello che sembrava essersi delineato nella giornata di ieri.
Mencarini ha infatti motivato il suo abbandono nella guida della città con ragioni ‘’esclusivamente politiche’’, di fatto attribuendo specifiche responsabilità all’epilogo; non ascrivibile, evidentemente, al solo stato di salute.
Con una nota diffusa poco prima di pranzo, Pietro Mencarini  ha spiegato in poche parole cosa lo ha portato a maturare la decisione di lasciare, senza tuttavia scendere nei particolari. (agg. 04/09 ore 12.44) segue

LA LETTERA. «Carissime concittadine e carissimi concittadini, – ha scritto il sindaco – come avrete sicuramente appreso dai giornali e dai media locali, ho dato le dimissioni dalla carica di Sindaco. Le ragioni per le quali sono stato costretto a presentare le dimissioni sono di esclusiva natura politica».

«Non ritengo – ha spiegato Mencarini –  sussistano le condizioni per condurre un’amministrazione, la cui maggioranza è continuamente fatta ostaggio dalle volubili volontà di gruppi di consiglieri che, su determinati argomenti, si sono aggregati per contestare la linea adottata dalla maggioranza medesima». 

«In questo momento,- ha aggiunto – per il bene della città di Tarquinia che ho sempre ritenuto l’unico vero obiettivo da perseguire, sono costretto a dimettermi, fiducioso che il futuro disegnerà scenari politici più favorevoli alla nostra comunità».
«Ringrazio personalmente il prefetto dottor  Giovanni Bruno, il questore di Viterbo dottor  Massimo Macera e tutti i rappresentanti delle istituzioni che hanno collaborato con me per il bene della città –  ha concluso Mencarini – Ringrazio tutto il personale del Comune per l’impegno e la dedizione che hanno profuso in questi quattordici mesi di amministrazione». (agg. 04/09 ore 13.30)

Nessun commento ancora, da parte dei consiglieri di maggioranza che dai corridoi confermano l’assenza di liti o discussioni nella giornata di ieri.

Una giornata iniziata con una seduta di giunta come tante, in verità parlando di alcune questioni della città: dal bando per la nettezza urbana, che sarebbe pronto per essere pubblicato, alla questione San Giorgio. Posizioni, su alcuni aspetti, in parte diverse; ‘’come del resto nella normale dialettica politica’’ – secondo il punta di vista di alcuni -, ma dialogo sereno e aperto che mai avrebbe fatto sospettare colpi di scena. E invece, intorno a mezzogiorno e mezza, la lettera con le dimissioni. Motivata solo oggi con ragioni politiche che hanno lasciato interdetti alcuni amministratori.

Una spiegazione, quella del primo cittadino che, peraltro, lascia aperti alcuni interrogativi che  dovranno essere chiariti nei prossimi giorni. Al momento né da Rinnova, il gruppo che fa capo a Manuel Catini, né da Idea Sviluppo, compagine guidata da Pietro Serafini, è giunto alcun commento ufficiale dopo le motivazioni del sindaco.

Nella tristezza generale per una confermata stanchezza del sindaco Mencarini, resta la fredda considerazione politica. Da capire infatti se, una simile decisione, comporterà conseguenze anche in seno all’Università Agraria , dove il caso Guarisco, ma non solo, resta uno dei nodi da sciogliere e una delle ragioni dei dissidi politici manifestati prima dell’estate. 

Intanto, i consiglieri d’opposizione affilano le armi, pronti, evidentemente,  a rientrare in campo.(Agg. 04/09 ore 14)

ULTIME NEWS