Pubblicato il

Ladispoli, siringhe al bosco di Palo

Ladispoli, siringhe al bosco di Palo

L'area riaperta poco prima dell'estate. Intervento delle Guardie Zoofile Nogra nel polmone verde della città. FareAmbiente ripulisce l'area dai rifiuti

LADISPOLI – Ancora segnali di degrado all’interno del bosco di Palo. A preoccupare e a far irritare i numerosi cittadini che dall’apertura del polmone verde, usufruiscono dell’area per godersi una bella giornata all’aria aperta, sono gli incivili. (Agg. 10/09 ore 16.21) segue

RIPULITA L’AREA DAI RIFIUTI. Ancora una volta volontari di FareAmbiente all’opera per ripulire l’area da quanto abbandonato da ignoti che anziché usufruire dei contenitori della differenziata preferiscono sporcare il bosco. Non solo. C’è anche chi utilizza i contenitori posti dalla ditta che si occupa del servizio di igiene urbana, in modo errato non conferendo dunque bene i rifiuti consumati e “abbandonati” all’interno del Bosco. A effettuare i controlli del caso c’hanno pensato nei giorni scorsi, appunto, i volontari di Fare Ambiente Ladispoli che per l’ennesima volta hanno lanciato un appello su Facebook: «Questo polmone verde merita di vivere indisturbato al riparo da incivili che lo maltrattano ogni giorno. Rispettarlo è un obbligo per tutti. Ci sono cittadini attenti che segnalando ci permettono di difenderlo. Questa è la parte migliore che reagisce». (agg. 10/09 ore 17)

SIRINGHE AL BOSCO. E a proposito di segnalazioni, una ancor più grave ne è arrivata, sempre qualche giorno fa, alle Guardie Zoofile del Nogra. Questa volta non si è trattato di semplici rifiuti, bensì di siringhe usate. A notare la presenza dell’oggetto, pericoloso per l’incolumità delle persone che frequentano l’area, un cittadino. Una delle due siringhe è stata rinvenuta conficcata su di uno degli alberi presenti all’interno dell’area verde, un’altra era ormai nascosta dalle foglie secche cadute in terra. Segno non solo di inciviltà, ma anche di degrado sociale che lascia intuire come il bosco non sia purtroppo utilizzato solo dagli amanti della natura, ma anche da parte di sbandati che, approfittando della vastità della zona, e dunque del poter “agire” quasi del tutto indisturbati, si introducono all’interno dell’area per le loro “attività”. Da capire se tutto ciò avvenga alla luce del sole, quando cioè il parco è aperto al pubblico o se qualcuno, approfittando della chiusura serale, disposta dall’amminsitrazione comunale, vi si introduca di nascosto per poi abbandonarla alla riapertura dei cancelli. Situazione questa che forse dovrebbe indurre l’amministrazione a intervenire con una maggiore sorveglianza dell’area. Sorveglianza che, come richiesto più volte dai cittadini, dovrebbe essere estesa anche a tutti i parchi pubblici della città. Sebbene infatti un chiaro regolamento approvato dall’amministrazione comunale a inizio anno, abbia messo dei paletti per l’utilizzo dei parchi, ad oggi, purtroppo, c’è chi delle regole se ne infischia, andando a ledere il diritto di bambini e adulti che vorrebbero semplicemente trascorrere qualche ora di relax. Il pericolo è sempre lo stesso: per colpa di pochi incivili c’è chi potrebbe rimetterci in termini di sicurezza.(agg. 10/09 ore 17.30)

ULTIME NEWS