Pubblicato il

Luxuria si esibisce a Fiumicino, è polemica

Luxuria si esibisce a Fiumicino, è polemica

Durante la Notte Bianca, in piazza Grassi, il concerto dell’ex parlamentare. Botta e risposta tra CasaPound, Lega e Pd

FIUMICINO – “La Notte Bianca dovrebbe essere un momento di festa della nostra città, nel quale si valorizzano i rapporti umani e la nostra cultura. Vladimir Luxuria non può rappresentare Fiumicino, né tanto meno può rappresentare le fasce discriminate, perché è una che ha fatto della discriminazione il suo core business”. Lo affermano i consiglieri della Lega, Stefano Costa e Vincenzo D’Intino, e la consigliera del Gruppo misto, Federica Poggio. Qui di discriminato c’è solo la città di Fiumicino che spende soldi per pagare un cachet a Vladimir Luxuria, che di cultura non ha nulla. Avremmo salutato positivamente un nome come Piero Angela, avremmo applaudito a un personaggio vero dello spettacolo, che abbia fatto del talento il modello di esempio per le nuove generazioni; ci indigniamo invece di fronte a chi tutti i costi vuole imporre, soprattutto ai nostri figli, un modello di famiglia che non è quello naturale. La famiglia tradizionale va difesa dagli attacchi di chi vuole far passare come normale un modello che non vede un padre e una madre quali fondamento di una famiglia. E la cosa grave è che tale operazione viene fatta con i soldi pubblici, quelli cioè di tutti i cittadini. Con i soldi delle famiglie – insomma – si vuol distruggere il concetto di famiglia; e questo non possiamo farlo passare sotto silenzio“. (agg. 15/09 ore 8.58) segue

CONTRARIA CASAPOUND. Anche CasaPound si è detta non favorevole all’esibizione dell’ex parlamentare: “La Notte Bianca non diventi occasione per propaganda Lgbt nel nostro Comune a spese dei cittadini”. Per CasaPound lo spettacolo teatrale, al quale seguirà “direttamente dalle serate Lgbt romane” trasformerà la piazza in una sorta di discoteca all’aperto. “Ci chiediamo – si legge nella nota – se per l’amministrazione comunale sia più importante propagandare la teoria gender a spese dei cittadini, o se portare a termine gli innumerevoli cantieri aperti in campagna elettorale”. “Ci auguriamo che l’evento venga sostituito, in quanto non solo CasaPound, ma anche una buona parte dei nostri concittadini – conclude il testo -, trova inopportuno che i propri soldi vengano spesi per fare questo tipo di propaganda ideologica nel nostro comune”.  (agg. 15/09 ore 9.30)

LA REPLICA. Immediata la replica della Sinistra. “Le polemiche di queste ore, sollevate da esponenti della destra cittadina, per l’esibizione di Vladimir Luxuria tra gli eventi della Notte Bianca 2018, non fanno che confermare quanto sia ancora necessario impegnarsi contro ogni forma di discriminazione”. Lo dichiara Paola Magionesi, capogruppo del Pd al Consiglio comunale di Fiumicino. “La scelta di destinare piazza Grassi ai temi dei diritti civili è in linea con l’impegno che questa amministrazione fin dal mandato precedente ha messo nella battaglia contro qualsiasi forma di esclusione sociale – prosegue la capogruppo del Pd -. Vladimir Luxuria canterà le canzoni di Fabrizio De Andrè dedicate agli esclusi e ai discriminati e tra questi ci sono ancora, purtroppo, le persone lgbt. Chi la attacca sostenendo che data la carriera artistica e politica non sia rappresentativa di discriminazioni commette due errori“. E spiega: “Il primo è dare per scontato che lei stessa non sia stata vittima di discriminazioni e quindi esprimere un giudizio sulla sua credibilità. Per altro, sono proprio le storie e gli esempi di chi quelle discriminazioni le ha superate che servono ai tanti, tantissimi giovani che le vivono quotidianamente ad avere il coraggio di essere se stessi. Il secondo, ancora più grave, è dare per scontato che solo chi ha subito abusi e pregiudizi possa farsi portavoce degli esclusi“. “Quella contro le discriminazioni, di qualsiasi tipo, è una battaglia che ogni cittadino e ogni cittadina dotati di un minimo di senso civico dovrebbero intestarsi e portare avanti, anche se non ne sono mai stati toccati personalmente”, continua Magionesi. “Ma l’errore più grave è non rendersi conto di come, in questo modo, si alimentino l’odio e l’intolleranza chiedendo consensi ai propri attacchi. È notizia di queste ore che una coppia gay è stata brutalmente aggredita in casa propria, a Verona, con lancio di benzina in faccia, insulti, minacce e scritte sui muri. E non è un caso isolato”, sottolinea Magionesi. “Chi, da destra, si scaglia contro eventi culturali che hanno il solo scopo di contrastare questo clima dovrebbe, invece, spendere le proprie energie per chiedere ai propri rappresentati al governo cosa fanno per proteggere e tutelare queste persone. Per quanto ci riguarda a Fiumicino nessuna discriminazione è e sarà mai tollerata” conclude Magionesi. (agg. 15/09 ore 10)

ULTIME NEWS